Unione internazionale delle telecomunicazioni (UIT)

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

L'Unione intern. delle telecomunicazioni (UIT) fu creata nel 1947 quale agenzia specializzata dell'ONU nell'ambito delle telecomunicazioni e la sua sede trasferita a Ginevra. Succedette all'Unione telegrafica intern., fondata nel 1865 quale unione amministrativa, con sede a Berna presso l'Ufficio intern. delle amministrazioni telegrafiche. Fino al 1947 rimase sotto la supervisione del Consiglio fed. e fino al 1949 sotto direzione sviz. Inizialmente l'Unione telegrafica intern. si occup˛ soprattutto della trasmissione telegrafica di informazioni fra gli Stati firmatari. I suoi compiti si diversificarono con la modernizzazione della trasmissione di informazioni: nel 1885 fu introdotta la telefonia intern., nel 1908 la radiotelegrafia e dagli anni 1960-70 la trasmissione via satellite. Nel 1934 l'Unione telegrafica intern. prese il nome di Unione intern. delle telecomunicazioni, riunendo la telegrafia, la telefonia e la radio. Durante la seconda guerra mondiale l'importanza politica e militare della radiotelegrafia crebbe notevolmente. All'inizio del XXI sec. veniva ampiamente utilizzata quale mezzo di comunicazione per la collaborazione allo sviluppo e lo scambio di informazioni in seno all'ONU. Nel 2012 193 Stati e 700 imprese e istituzioni (fra l'altro gestori di telecomunicazioni e Univ.) erano membri dell'UIT.


Bibliografia
– A. Tegge, Die Internationale Telekommunikations-Union, 1994
– D. R. Headrick, The Invisible Weapon: Telecommunications and International Politics 1851-1945, 1991

Autrice/Autore: Madeleine Herren / sari