No 1

Fumo, Francesco

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita 5.12.1678 Buseno, morte dopo il 1749 Buseno, di Buseno, catt. Dal registro dei battesimi di Buseno risulta figlio di una certa Maria Maddalena; il nome del padre è illeggibile. ∞ (1724/25) Francesca Spazzio, di Lanzo d'Intelvi. Attestato anche come Fomia o Fiemo, F. fu chiamato a lavorare in Polonia alla corte di Elzbieta Sieniawska dall'architetto Giovanni Spazzi, suo futuro suocero. Attivo come scultore statuario al servizio della principessa dal 1716 al 1731, decorò i palazzi di Lubnice (1717-23), Oleszyce (fino al 1718), Przybyslawice (1722), oggi distrutti, e di Wilanow (dal 1723), dove si trovano le sue opere più importanti: due cicli a stucco, l'uno di bassorilievi ispirati alle Metamorfosi di Ovidio, l'altro di personificazioni di virtù. F. eseguì inoltre l'epitaffio di Jerzy Dominik Lubomirski nella chiesa di S. Anna a Varsavia (1727) e la decorazione del palazzo Czartoryski a Pulawy (1729-30). Tra gli artisti grigionesi del XVIII sec., F. fu l'unico plasticatore di figura.


Bibliografia
– M. Karpowicz, «F. Fumo (Fomia) da Buseno», in QGI, 65, 1996, 146-162

Autrice/Autore: Mariusz Karpowicz