23/04/2009 | segnalazione | PDF | stampare | 

Kaltbrunn

Com. SG, regione See-Gaster; (940: Chaldebrunna). Il villaggio di K. e le frazioni di Fischhausen, Wilen e Steinenbrücke sorgono su coni di deiezione al margine della pianura della Linth. Sui pendii poco popolati si adagiano Gublen, Chirnen e Altwies. Pop: 1572 ab. nel 1838, 1700 nel 1900, 2279 nel 1920, 2451 nel 1950, 3694 nel 2000. Sullo Schlossbüchel sono state trovate tracce di insediamenti preistorici. La corte (Dinghof) di K. appartenne dapprima alla curtis di Benken, poi a Einsiedeln (dal 940). Fu amministrata dai maior di K. (XIII-XV sec.), che forse risiedevano nella Steinhaus di Altbreiten, e dagli Ammänner del convento (dalla metà del XV sec.). Costruita probabilmente nel XIII sec., la fortezza di Bibiton fu residenza di vassalli (Bruchi, maior di K.) dei von Toggenburg e di Einsiedeln (1358-1443), prima di essere distrutta forse nel 1444 durante la Vecchia guerra di Zurigo. L'alta giustizia fu amministrata dagli avogadri di Einsiedeln fino al 1438. Tagwen del baliaggio di Gaster, in seguito K. passò sotto il dominio di Svitto e Glarona e nel 1803 venne integrato nel nuovo cant. San Gallo. La chiesa parrocchiale di S. Giorgio, fondata nel X sec., ricevette il nome di Oberkirch (chiesa superiore) per distinguerla dalla Unterkirch di Benken; fu demolita e ricostruita all'interno del villaggio nel 1819-21. K. aderì alla Riforma nel 1529, ma ritornò alla vecchia fede su pressione di Svitto dopo la seconda guerra di Kappel. L'allevamento e la campicoltura furono a lungo le più importanti fonti di reddito. La fiera autunnale del bestiame, introdotta probabilmente prima del 1553, è tuttora importante a livello regionale. Il canale della Linth (1807-23), la correzione di diversi torrenti (1830 ca.) e le opere di canalizzazione (1879-83) liberarono il villaggio dal rischio di inondazioni. Il Kaltbrunner Riet, torbiera bassa di importanza nazionale dal 1994, è l'ultima testimonianza del paesaggio paludoso di una volta. L'allacciamento alla rete ferroviaria risale alla costruzione della galleria del Ricken (1904-10). Nel XIX sec. e durante le guerre mondiali furono attive due miniere di carbone a Uzenbühl e Gublen. Una fabbrica di molle (dal 1927) e il mobilificio Linth Möbelfabrik AG (dal 1973) sono le maggiori aziende del com. Nel XX sec. la struttura occupazionale si è profondamente modificata: la quota del terziario si è quintuplicata, quella del secondario è cresciuta di un terzo. L'edificazione dei terreni periferici testimonia lo sviluppo recente del com., i cui ab. lavorano per lo più in un'altra località. La scuola secondaria risale al 1935, le scuole superiori al 1978. Il museo locale è stato inaugurato nel 1977, la sala multiuso del Kupfen Treff nel 1997.


Bibliografia
– J. Fäh, Die grundwirtschaftliche Entwicklung der Gemeinde Kaltbrunn, 1921
– J. Fäh, Die Geschichte der Pfarrkirche St. Georg zu Oberkirch und Kaltbrunn, 1940
MAS SG, 5, 1970, 95-140

Autrice/Autore: Stefan Paradowski / sma