Vilters-Wangs

Com. SG, regione Sarganserland; (843 ca.: Filtris). Discosto dalle principali vie di transito e situato sul conoide alluvionale del torrente del villaggio, allo sbocco di quest'ultimo nella pianura del Reno, comprende i com. patriziali e le parrocchie di Vilters e Wangs; si estende fino ai Graue Hörner (Pizol). Pop: 1659 ab. nel 1850, 1720 nel 1900, 2205 nel 1950, 3891 nel 2000. Nel 1996 il nome del com. fu modificato da Vilters in V.

Sulla collina fortificata di Severgall sopra V. sono stati rinvenuti reperti del Neolitico (ascia da guerra del IV millennio a.C.), del Bronzo antico e finale, del La Tène finale e di epoca romana (monete e fibule, I-IV sec.). Nell'urbario della Rezia curiense dell'840 ca. la località è menz. come proprietà del convento di Pfäfers. Sul piano ecclesiastico Vilters fece inizialmente capo a Mels, prima di divenire parrocchia autonoma (1487). Fino al riscatto da parte del com. (1563), la decima era riscossa dall'abbazia di Pfäfers. Nel tardo ME si verificarono ripetuti conflitti di marca nella gola di Valeis con il vicino villaggio di Wangs. Nel 1785 la chiesa parrocchiale di S. Medardo fu ricostruita dall'abbazia di Pfäfers, titolare dei diritti di collazione. Nel 1816 Vilters e Wangs si fusero in un com. unico, dopo aver fatto parte del com. di Ragaz dal 1803. Nel 1800 un incendio distrusse il villaggio ad eccezione della chiesa, della casa parrocchiale e del mulino; un altro incendio scoppiò nel 1909. La pianura del Reno e il villaggio furono più volte colpiti da inondazioni, ad esempio nel 1764 e 1840. I contadini sfruttavano gli alpeggi e la pianura del Reno (beni comuni di Baschär e Rheinau) come pascoli. In epoca moderna la campicoltura acquisì importanza nei dintorni del villaggio e a Rheinau. Le condizioni economiche migliorarono dopo la correzione della Saar (1865-76), le cui sorgenti si trovano nel territorio di Vilters; in seguito fu canalizzato anche il torrente di Vilters. La ditta Elco (Looser) & Co (caldaie a olio e gas), aperta nel 1928, assunse rapidamente un ruolo economico importante per il villaggio. Dal 1950 al 2011 il com. fu sede dell'Ist. Sonnenberg, una scuola secondaria privata per ragazzi. Nel 2000 i consorzi scolastici per le elementari di Vilters e Wangs e quello per il livello secondario di V. si fusero nel consorzio scolastico unico di V.


Bibliografia
MAS SG, 1, 1951
– L. Bigger, Ortsgeschichte von Vilters, 1979
– B. Overbeck, Geschichte des Alpenrheintals in römischer Zeit, 1, 1982, 91-93
– W. Vogler (a cura di), Ein halbes Jahrtausend Pfarrei St. Medard Vilters, 1987

Autrice/Autore: Werner Vogler / lta