27/03/2003 | segnalazione | PDF | stampare

Balgach

Com. SG, distr. Unterrheintal. Il com. comprende il villaggio di B. (890/891: Palgaa), situato ai piedi delle colline appenzellesi, sulla strada Sankt Margrethen-Altstätten, e parte di Heerbrugg. Pop: 1435 ab. nel 1850, 1733 nel 1900, 2200 nel 1910, 2644 nel 1950, 3538 nel 1990. La menz. più antica riguarda foreste di proprietà regia. I nobili di B., menz. nel 1166 e nel 1210, erano forse antenati dei von Grünenstein (attestati dal 1270), che presero il nome dalla fortezza da loro eretta; quest'ultima venne demolita nel 1781 (salvo il mastio, risalente al XIII sec.) e al suo posto sorse in stile barocco il castello di Grünenstein, odierno simbolo di B. Nel 1347 i baroni de Sacco cedettero la signoria su B. al convento femminile di Lindau, che nel 1510 la vendette a sua volta al principe abate di San Gallo; la bassa giustizia era esercitata dall'Ammann dell'abbazia ad Altstätten. Annesso al baliaggio del Rheintal fino al 1798, B. divenne com. autonomo nel 1803, con la nascita del cant. San Gallo; il com. patriziale fu creato nel 1826. Una cappella dipendente da Marbach è attestata dal 1419; B. fu elevato a parrocchia nel 1521. Nel 1528 quasi tutti gli ab. di B. si convertirono alla Riforma; tre anni dopo buona parte di essi ritornò all'antica fede. La chiesa fu usata da entrambe le confessioni fino al 1826, anno in cui venne costruita la chiesa catt.; il diritto di patronato spettava al principe abate di San Gallo. Nel 1938 i catt. di Heerbrugg si separarono da B.

Accanto alla campicoltura, nel XV e XVI sec. si diffuse sulle colline la coltivazione della vite; sulle alture e nella piana del Reno, una zona paludosa con boschi golenali, pascoli e prati sparsi, veniva praticato l'allevamento. Negli ultimi decenni le aziende produttrici di latte sono molto diminuite, passando da 48 nel 1958 a 16 nel 1990, mentre ha riguadagnato terreno la viticoltura (20 ettari nel 1990). Uno stabilimento termale fu attivo fino al XIX sec. B. divenne il centro dell'industria del ricamo dell'Unterrheintal verso la fine del XIX sec.; dopo il 1900, lo sviluppo della produzione di ricami a domicilio e nelle fabbriche fu all'origine di un rapido incremento demografico. Sull'onda dell'industrializzazione di Heerbrugg, che a differenza di B. disponeva di una stazione ferroviaria (1858), nel XX sec. anche B. è divenuto un com. industriale; vi ha tra l'altro sede la Leica AG. Nel 1990 il secondario assorbiva il 76% della pop. attiva. Il nucleo di B. è considerato un luogo di importanza regionale; l'antico palazzo com., del 1566, oggi adibito a museo locale, è invece di importanza nazionale.


Bibliografia
– J. Boesch, Der Hof Balgach - Die Gemeinde Balgach, 1968
– AA. VV., «Balgach - Rheintalerdorf mit besonderen Kostbarkeiten», in Unser Rheintal, 50, 1993, 195-243

Autrice/Autore: Johannes Vogel / vfe