Tübach

Com. SG, regione Rorschach; (1207: Tiuffenbach). Situato nel triangolo formato dalle città di Rorschach, San Gallo e Arbon, comprende l'omonimo villaggio e la frazione di Aach. Pop: 340 ab. nel 1800, 359 nel 1850, 569 nel 1900, 665 nel 1950, 1057 nel 2000. Nel ME l'abbazia di San Gallo disponeva di proprietà fondiarie a T. La corte (Kehlhof) menz. nel 1207 rimase una grande azienda agricola fino al XVIII sec. I vescovi di Costanza (XIII sec.) e i signori von Rorschach (XIII-XIV sec.) furono proprietari fondiari. Il baliaggio imperiale di T. fu dato in pegno a Eberhard von Bürglen (1331), poi passò a Hermann von Breitenlandenberg (1351) e agli Schenk von Castel fino al 1464-66, quando ritornò al principato abbaziale di San Gallo. Dall'inizio del XVI sec. T. formò un capitanato dipendente dalla bassa giurisdizione abbaziale di Rorschach. Nel 1566 furono emanati statuti comprendenti norme per regolare l'ottenimento della cittadinanza. Sul piano ecclesiastico T. dipese da Steinach. Adottò la Riforma nel 1529, ma nel 1532 tornò al cattolicesimo. Divenne parrocchia autonoma nel 1742 contro il volere di Steinach. La cappella di Nostra Signora Ausiliatrice risale al 1649, la chiesa parrocchiale di S. Maria Ausiliatrice al 1744-46. Il convento di cappuccine di S. Scolastica, fondato a Rorschach nel 1616 e dal 1847 sotto la giurisdizione del vescovo di San Gallo, nel 1905, a seguito dell'industrializzazione e della ristrutturazione della stazione ferroviaria di Rorschach, fu trasferito a T., nell'edificio progettato da August Hardegger. Ospitava 34 suore nel 1905, 40 nel 1958, 25 nel 1985 e 8 nel 2012. Attivo principalmente nella produzione di ostie, all'inizio del XXI sec. il convento era inoltre proprietario di due ettari di bosco e di due poderi dati in affitto (10,8 risp. 3,5 ettari), destinati all'economia lattiera e alla frutticoltura.

Nel 1582 Leonhard Straub aprì a T. una cartiera (attiva fino al 1740). Dal 1584 al 1622 vi fu anche una tipografia, che conobbe vari passaggi di proprietà e in cui Straub diede alle stampe il primo periodico della Svizzera, Annus Christi, che recava la dicitura "Reichshof Rorschach". Dal XVII sec. nobili e cittadini agiati costruirono a T. le loro residenze di campagna. Il villaggio viveva di agricoltura, spec. frutticoltura e viticoltura. Quest'ultima fu praticata fin verso il 1900. La cassa Raiffeisen risale al 1902, il centro di riabilitazione per alcolisti con azienda agricola annessa (Mühlhof) al 1930. T. rimase un com. rurale con poche attività artigianali fino agli anni 1960-70. Dal 1970, con il boom edilizio, sorsero nuovi quartieri e si insediarono altre aziende artigianali e piccole industrie. Nel 1803 T., Steinach e Berg si unirono nel com. di Steinach, appartenente al distr. di Rorschach (soppresso nel 2002). Dopo il distacco di Steinach (1832), T. formò con Berg il com. di Berg e nel 1845 divenne autonomo. Dal 1993 il sindaco è nominato a tempo pieno. Il piano regolatore fu realizzato nel 1976, l'edificio polivalente nel 1980 e il complesso regionale sportivo e ricreativo Kellen T. nel 1997.


Bibliografia
– F. Willi, «Aus der Geschichte des Reichshofs Tübach», in Rorschacher Neujahrsblatt, 1937, 47-52
HS, V/2, 1086-1094
– T. Müller, Tübach, 1986
– J. Huber, Tübach, 2000

Autrice/Autore: Peter Müller / vfe