29/09/2008 | segnalazione | PDF | stampare

Maur

Com. ZH, distr. Uster; (874/887: de Mure). Situato sulla sponda sudoccidentale del Greifensee, il com. comprende il villaggio di M. e le ex Zivilgemeinden di Aesch (Forch), Binz, Ebmatingen e Uessikon. Pop: 1623 ab. nel 1798, 2133 nel 1836, 1965 nel 1850, 1513 nel 1900, 1421 nel 1910, 1577 nel 1950, 3943 nel 1970, 8677 nel 2000.

Sulle rive del Greifensee sono stati rinvenuti insediamenti lacustri del Neolitico (culture di Pfyn e di Horgen) e della tarda età del Bronzo (presso Schifflände, Weierwiesen e Uessikon), un tumulo della cultura di Hallstatt nel Maurholz e resti di mura dell'epoca romana sotto l'attuale chiesa. Necropoli altomedievali sono state ritrovate nella località di Eggenberg, a valle di Aesch, e sotto la chiesa di M. Il rotolo del Grossmünster (876/888) riporta la prima menz. scritta del com. I diritti di collazione e la bassa giustizia passarono in seguito all'abbazia del Fraumünster, i cui beni erano amministrati da un maior locale (dal XIII sec. residente nella fortezza di M.). La chiesa odierna fu eretta negli anni 1507-12 (ristrutturazione della torre in stile neogotico nel XIX sec.) sulle rovine di una chiesa romanica più antica (ca. 1200), che a sua volta aveva sostituito due precedenti edifici altomedievali (VII e IX/X sec.). La giurisdizione abbaziale (Meieramt) divenne una signoria giurisdizionale del baliaggio di Greifensee; dal 1424 al 1629/52 fu detenuta ininterrottamente dalla fam. Aeppli. L'artista ed editore David Herrliberger, ultimo titolare della signoria, la cedette alla città di Zurigo nel 1775. La fortezza di M. divenne una proprietà privata; ristrutturata verso la metà del XIX sec. e interamente restaurata nel 1974-75, ospita oggi il museo locale e la collezione quasi completa delle opere di Herrliberger. Nel 1798 M. era uno dei com. più densamente popolati del cant. Zurigo. In quel periodo l'industria tessile a domicilio rappresentava la principale fonte di reddito per oltre tre quinti della pop. attiva. A causa della mancata meccanizzazione dell'industria tessile, il forte incremento demografico durante il primo terzo del XIX sec. fu seguito da un calo che perdurò fino alla prima guerra mondiale. Un tempo fortemente industrializzata, M. tornò così a essere una zona rurale tra la città di Zurigo e l'area industrializzata dell'Oberland zurighese. Solo grazie al collegamento con l'agglomerato di Zurigo M. conobbe un nuovo sviluppo negli anni 1950-60. L'arrivo di nuovi ab. migliorò rapidamente la situazione economica del com., che fino al 1958 aveva beneficiato della perequazione finanziaria cant. L'economia del com. è fortemente orientata verso l'esterno: nel 2000 M. offriva 1879 posti di lavoro, mentre ca. i tre quarti della pop. attiva erano pendolari in uscita (spec. in automobile), attivi soprattutto a Zurigo.


Bibliografia
MAS ZH, 3, 1978
– F. Aeppli, Geschichte der Gemeinde Maur, 1979
Die ersten Bauern, 1, cat. mostra Zurigo 1990, 177-189

Autrice/Autore: Felix Aeppli / mdi