28/02/2005 | segnalazione | PDF | stampare

Gonten

Com. AI, "Paese interno" o Innerer Landesteil; (attorno al 1200: Gumbton). Costituito nel 1873 unendo la Rhode di G. e le semi-Rhoden di Stechlenegg e Rinkenbach, il com. comprende l'omonimo villaggio lungo la strada e le frazioni di Gontenbad e Jakobsbad. Pop: Rhode di G.: 910-955 ab. nel 1713, 1202 nel 1850; com. di G.: 1556 ab. nel 1880, 1594 nel 1900, 1621 nel 1910, 1462 nel 1950, 1209 nel 1970, 1419 nel 1990, 1379 nel 2000.

Il nucleo dell'insediamento, il villaggio di G., non contava che 21 case nel 1800; il restante territorio, colonizzato tardivamente e dedito all'agricoltura e alla selvicoltura, si distingue per la presenza di fattorie sparse. La chiesa di S. Verena fu costruita nel 1452. Nel 1531 gli ab. di G. marciarono armati su Appenzello per chiedere il ripristino delle funzioni religiose catt.; Appenzello fu da allora caratterizzato dal culto paritetico (fino al 1588). Nel 1647 la cappellania di G. si separ˛ da Appenzello e divenne parrocchia autonoma. Nel XVII e XVIII sec. G. fu un'importante meta di pellegrinaggio (S. Maria della Consolazione). La cappella di S. Giacomo sul Kronenberg Ŕ menz. dal 1464. Nel 1863-65 venne edificata la parrocchiale in stile neogotico, su progetto di Joseph Spalt di Ruggell (FL) e con il sostegno di Theodosius Florentini. La parrocchia attuale, costituita nel 1873, non corrisponde al territorio com.; la comunitÓ scolastica fu distinta dalla parrocchia solo nel 1895.

La frazione di Gontenbad deve il suo sviluppo ai bagni termali, attestati dal 1576. Dopo la loro chiusura nel 1933, il complesso fu trasformato in casa per anziani. Nel 1931 la Gontenbad AG inizi˛ a sfruttare la sorgente minerale per produrre l'acqua minerale Alpstein e la Appenzeller Citron. Con il collegamento alle Ferrovie appenzellesi nel 1886 il com. conobbe un periodo di relativa espansione. La costruzione della teleferica Jakobsbad-Kronenberg (1963-64) stimol˛ il turismo escursionistico. Nel 1993-97 fu realizzato un campo da golf. L'estensione del villaggio di G. dopo il 1973 fu il risultato di una mirata politica edilizia (zone residenziali e industriali). L'estrazione della torba, a cui fa riferimento il nome stesso del villaggio (dal termine romano mutuato dal gallico gonton, pozzanghera), Ŕ stata praticata fino agli anni 1970-80; durante la seconda guerra mondiale vi trovarono lavoro ca. 100 persone. L'economia Ŕ tuttora basata sull'agricoltura, in particolare sulla produzione lattiera e di foraggio, integrata dall'allevamento di suini che ha permesso alle numerose aziende, in parte fortemente indebitate, di sopravvivere. Fino agli anni 1960-70 il ricamo a mano praticato dalle donne ha costituito un'importante fonte di guadagno. Tra il 1954 e il 1987 si sono insediate a G. quattro imprese di costruzioni in legno e una falegnameria.


Bibliografia
AppGesch, 1 e 3
MAS AI, 1984, 403-420, 431-436
– F. Stark, Aus Heimat und Kirche, 1993
– A. Weishaupt, Geschichte von Gonten, 2 voll., 1997

Autrice/Autore: Hermann Bischofberger / mdi