29/03/2007 | segnalazione | PDF | stampare | 

Lei, valle di

Alta valle nei com. di Piuro (Valtellina) e Innerferrera (GR), situata nel bacino del Reno posteriore, che si estende per 15 km a un'altitudine di 2000 m; (1355: de Leylo). Attorno alla metÓ del XIV sec. la valle fu temporaneamente abitata tutto l'anno da coloni provenienti da sud. Pi¨ tardi fu sfruttata come pascolo alpino, con gli alpeggi caricati con bestiame proveniente da sud attraverso i passi di L. e di Angeloga. Nel 1462 i conti von Werdenberg-Sargans vendettero i loro possedimenti al com. di Piuro. Nel XVII sec. la valle fu luogo di estrazione di minerale. Quando le Tre Leghe persero la Valtellina nel 1797, la valle divenne zona di confine. Sul versante occidentale si trovano piccoli alpeggi. Con la rettifica dei confini tra Svizzera e Italia nel 1962-63, ca. 45 ettari della valle, che ha una superficie di 51 km2, furono attribuiti al com. di Innerferrera, compreso il muro di sbarramento della nuova diga delle Forze motrici di Hinterrhein (197 milioni di m3).


Bibliografia
– H. E. Pappenheim, źDer Streit zwischen Italien und GraubŘnden um das Val di Lei╗, in BM, 1947, 164-218
– AA. VV., Heimatbuch Schams, 19612, 322-331

Autrice/Autore: JŘrg Simonett / cne