Trasadingen

Com. SH, distr. Unterklettgau; (878: Trasmundige). ╚ il com. pi¨ occidentale del cant., con un posto di dogana verso Erzingen (Baden-WŘrttemberg). Pop: 308 ab. nel 1798, 429 nel 1836, 624 nel 1850, 480 nel 1900, 531 nel 1950, 530 nel 2000. T. fu in origine proprietÓ fondiaria dei conventi di Rheinau, Allerheiligen e Paradies e nel tardo ME di fam. sciaffusane e dell'ospedale di S. Spirito di Sciaffusa. Nel 1378 quest'ultimo acquist˛ dai von Radegg la bassa giustizia, che con la Riforma pass˛ alla cittÓ di Sciaffusa (1529). Nel 1656 la cittÓ rilev˛ dai conti von Sulz anche l'alta giustizia e incorpor˛ T. nel baliaggio (Obervogtei) di Neunkirch. Sul piano ecclesiastico T. fece capo a Erzingen (fino al 1515) e poi a Wilchingen, prima di formare un com. parrocchiale autonomo (1928). Al posto della cappella di S. Giacomo, nel 1839-40 fu edificata la chiesa parrocchiale rif. (ristrutturata nel 1934). Il villaggio, caratterizzato da campicoltura e viticoltura, alla fine del XIX sec. fu interessato da una forte emigrazione oltreoceano. Con l'inaugurazione della linea Basilea-Costanza della Ferrovia del Baden (1863), T. fu collegato alla rete ferroviaria. Accanto ad agricoltura e viticoltura, verso la fine del XX sec. acquisirono una crescente importanza l'artigianato e la piccola industria.


Bibliografia
Heimatkunde des Kantons Schaffhausen, 1947, 33 sg.
MAS SH, 3, 1960, 285-287
Schaffhauser Magazin, 1985, n. 3, 47-71

Autrice/Autore: Matthias Wipf / lta