Osterfingen

Ex comune SH, distretto Unterklettgau, dal 2005 parte del comune di Wilchingen; (912: Ostrolvingen). Sviluppatosi lungo la strada nel Wangental, comprende la frazione di Bad O. posta a sud del villaggio. Pop: 349 ab. nel 1771, 449 nel 1798, 557 nel 1836, 622 nel 1850, 414 nel 1900, 316 nel 1950, 359 nel 2000. Nel 1934 sono state rinvenute le fondamenta di una villa romana presso Bad O.; tra i reperti Ŕ stato scoperto anche un piccolo tesoro di monete. La corte (Kelnhof) fu attestata da scavi archeologici probabilmente nel 1948. Accanto al convento di Rheinau, principale proprietario terriero, detenevano beni a O. i signori von Lupfen, von Randenburg e von Radegg, il convento di Allerheiligen e cittadini sciaffusani. La bassa giustizia di O. era amministrata dai signori von Lupfen. Ceduta in prestito agli scoltetti von Randenburg (XIV sec.), nel 1537 pass˛ a Hans Wilhelm Im Thurn e a Wilhelm von Fulach, poi alla cittÓ di Sciaffusa e infine fu integrata nel baliaggio di Neunkirch. L'alta giurisdizione appartenne ai conti del Klettgau fino al 1656, quando il conte Johann Ludwig von Sulz la vendette a Sciaffusa. Fino al 2004 il villaggio fece parte del distr. di Oberklettgau. O. fece capo alla parrocchia di Neunkirch; nel 1529 la localitÓ aderý alla Riforma. La costruzione di una chiesa nel 1759, in sostituzione della cappella di S. Giacomo (menz. dal 1300), fa supporre che verso la fine del XVII sec. gli ab. di O. avessero acquisito maggiori diritti ecclesiastici. All'inizio del XXI sec. a O. era ancora praticata la viticoltura. La limonite in grani, estratta dal XVII sec. dalle circostanti colline del Randen, veniva lavorata nelle ferriere della regione. La cessazione dell'attivitÓ mineraria nel 1850 priv˛ del posto di lavoro molti ab., che furono costretti a emigrare.


Bibliografia
– C. Birchmeier, Bohnerzbergbau im SŘdranden, 1986
– K. Bńchtold, Osterfingen, 1994

Autrice/Autore: Roman Sigg / sma