Itingen

Com. BL, distr. Sissach, situato nella media valle dell'Ergolz; (1226: Utingen, 1454: Uetingen). Il vecchio nucleo, formato da due file di edifici disposti perpendicolarmente alla strada, Ŕ situato a sinistra della linea ferroviaria Basilea-Olten. Pop: 161 ab. nel 1680, 211 nel 1743, 275 nel 1798, 500 nel 1850, 559 nel 1900, 644 nel 1950, 1659 nel 2000. Il toponimo testimonia l'origine alemanna dell'insediamento, che non va confuso con il vicino villaggio abbandonato di Itkon (com. Sissach), sulla riva destra dell'Ergolz. La prima menz. della localitÓ (1226) cita un Gerardus de Utingen: ci˛ sembrerebbe indicare una signoria fondiaria, poi dissoltasi in seguito a donazioni a vari conventi (Olsberg, Sch÷nthal, Rotes Haus) e ordini (Beuggen). In seguito Ŕ tuttavia attestata una fam. basilese titolare del diritto di infeudazione (Achtburger, 1367-1492), il cui nome derivava da I. Nel XV sec. il villaggio apparteneva ai signori von Eptingen e nel 1467 fu acquistato con tutti i diritti da Basilea, che lo integr˛ nell'esteso baliaggio di Farnsburg. Nel 1798 venne incorporato nel distr. di Gelterkinden e nel 1814 in quello di Sissach. Prima della Riforma I. aveva una cappella, ma dipese sempre dalla parrocchia di Sissach. Nel XVIII e XIX sec. i settori dominanti dell'economia del com. furono l'agricoltura e la tessitura a domicilio di nastri di seta (20 telai nel 1770, 86 nel 1908). La cooperativa dei tessitori di nastri di seta vi gestý una propria fabbrica (1917-22). Da allora una percentuale crescente della pop. attiva lavora al di fuori del com. Situato in una posizione favorevole (stazione nel 1925 e allacciamento all'autostrada nel 1970), I. Ŕ un luogo di residenza apprezzato dalla classe media con nuovi quartieri nel fondovalle e sul versante esposto al sole. I principali datori di lavoro erano IKEA (centro di distribuzione), Renata AG (batterie) e RCC (ricerca); nel 2006 vi lavoravano 1025 persone.


Bibliografia
– L. Freivogel, Die Landschaft Basel in der zweiten Hńlfte des 18. Jahrhunderts, 1893, 71-73
– P. Suter, Beitrńge zur Landschaftskunde des Ergolzgebietes, 1926 (19712)
– P. Suter, Die Gemeindewappen des Kantons Baselland, 1952, 89 sg. (19844)
Heimatkunde Itingen, 2002

Autrice/Autore: Dominik Wunderlin / ato