08/07/2008 | segnalazione | PDF | stampare | 

Hemmiken

Com. BL, distr. Sissach; (1255: Enninchon). Villaggio situato lungo la strada in una valle laterale a destra dell'Ergolz. Pop: 363 ab. nel 1850, 383 nel 1860, 335 nel 1900, 223 nel 1930, 249 nel 1950, 290 nel 2000. A Kästelen, sopra il villaggio, sono stati rinvenuti reperti di epoca romana. Nel tardo ME H. fece parte della signoria di Thierstein-Farnsburg, con la quale passò nel 1461 alla città di Basilea. A causa della vicinanza con il Fricktal austriaco, la località subì saccheggi durante la guerra di Svevia (1499); nel corso della guerra dei Trent'anni fu invasa e saccheggiata dalle truppe spagnole (1633-34). Nel 1833 fu annessa al distr. di Sissach nel nuovo cant. di Basilea Campagna. Sul piano ecclesiastico dipende da Ormalingen. L'arte degli scalpellini - i cui strumenti compaiono nello stemma com. - conobbe una fioritura nel XVIII e XIX sec., come attestano i lavori realizzati in varie case del villaggio (architravi di porta). Alla fine del XIX sec. assunse importanza la passamaneria: nel 1786 vennero registrati otto telai per la produzione di nastri, nel 1856 34 e nel 1908 54. Anche se conserva la sua struttura prevalentemente agraria (fondata spec. sull'economia lattiera e sulla frutticoltura), oggi H. si sta trasformando in com. residenziale e di pendolari.


Bibliografia
– H. Weber, H. Buser, «Aus der Vergangenheit des Dorfes Hemmiken», in BHBI, 21, 1956, 49-57, 77-85
– H. Buser-Karlen, Heimatkunde Hemmiken, 1989

Autrice/Autore: Thomas Schibler / vfe