Ramlinsburg

Com. BL, distr. Liestal; (1367: Remlisperg). Situato sul versante nordorientale della valle della Frenke anteriore. Pop: 124 ab. nel 1698, 175 nel 1774, 343 nel 1850, 309 nel 1900, 210 nel 1950, 351 nel 1980, 641 nel 2000. R. ebbe origine dalle due curtes di Oberhof e Niderhof, che appartenevano alla corte (Dinghof) di Bubendorf. La ricomposizione parcellare dei beni patriziali delle due comunità avvenne solo nel 1926. A sud di R. si trova la rovina di Spitzburg, risalente al XIII sec. Feudo dei von Frohburg nel ME, dal 1366 R. fu un feudo della prepositura del duomo; divenne poi proprietà della fam. basilese Sevogel (dal 1437) e nel 1500 passò alla città di Basilea (baliaggio di Waldenburg). Gli ab. fecero sempre capo alla parrocchia di Bubendorf; dal 1987 R. dispone di una chiesa aperta a entrambe le confessioni. All'attività agricola, principale fonte di reddito, dal XVIII sec. si affiancò la tessitura a domicilio di nastri di seta (19 telai nel 1754, 71 nel 1856, 62 nel 1908). Nell'ultimo terzo del XX sec. R. si è trasformato in un com. di pendolari.


Bibliografia
– K. Heid, «Die Spitzburg bei Ramlinsburg», in Baselbieter Heimatblätter, 2, 1937, 236-249
MAS BL, 2, 1974, 394-396

Autrice/Autore: Ruedi Brassel-Moser / rza