• <b>Else Lasker-Schüler</b><br>Frontespizio e prima pagina de <I>La Terra degli Ebrei</I>, opera pubblicata a Zurigo nel 1937 dalla casa editrice Oprecht (Collezione privata) © Foto Zentralbibliothek Zürich. Il disegno sul frontespizio con il sottotitolo in ebraico ("I coloni il giorno dello Shabbat a Gerusalemme") fu realizzato dalla stessa autrice, che colorò a mano e firmò gli 80 esemplari dell'edizione limitata. Lasker-Schüler scrisse questo poetico libro di viaggio, che sottace completamente il conflitto tra ebrei e arabi in Palestina, in ricordo del suo primo soggiorno in Terra Santa nel 1934.

No 1

Lasker-Schüler, Else

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita 11.2.1869 Elberfeld (oggi Wuppertal), morte 22.1.1945 Gerusalemme, isr., cittadina ted. (privata della cittadinanza nel 1938). Figlia di Aron Schüler, impiegato di commercio, e di Jeannette Kissing. ∞ 1) Berthold Lasker, medico; 2) Georg Levin (pseudonimo: Herwarth Walden), scrittore espressionista, redattore ed editore (divorzio nel 1912). Esordì con la raccolta lirica Styx (1902) e acquisì rinomanza come autrice di poesie espressioniste, drammaturga, narratrice, disegnatrice e celebrata musa della bohème artistica (fu amica di Peter Hille, Gottfried Benn, Franz Marc, Karl Kraus). In seguito ai frequenti soggiorni a Zurigo, Locarno, Lugano, Ascona e Davos (1917-27) in occasione di serate dadaiste, incontri di lettura, soggiorni di vacanza e visite in sanatorio al figlio Paul (morte 1927), fu posta sotto sorveglianza dalla polizia degli stranieri e dalla gendarmeria dell'esercito. Nel 1933 fuggì dalla Germania nazionalsocialista e fino al 1939 risiedette a Zurigo e Ascona. Nonostante il divieto di esercitare un'attività lavorativa e i provvedimenti di espulsione sempre più incalzanti, riuscì, grazie alla disponibilità di amici sviz., a portare in scena il dramma Arthur Aronymus allo Schauspielhaus di Zurigo (1936) e a pubblicare La Terra degli Ebrei per i tipi dell'Oprecht-Verlag (1937). Espulsa dalla Svizzera, compì tre viaggi in Palestina, l'ultimo dei quali senza possibilità di ritorno a causa dello scoppio della guerra. Fu insignita del premio Kleist (1932).

<b>Else Lasker-Schüler</b><br>Frontespizio e prima pagina de <I>La Terra degli Ebrei</I>, opera pubblicata a Zurigo nel 1937 dalla casa editrice Oprecht (Collezione privata) © Foto Zentralbibliothek Zürich.<BR/>Il disegno sul frontespizio con il sottotitolo in ebraico ("I coloni il giorno dello Shabbat a Gerusalemme") fu realizzato dalla stessa autrice, che colorò a mano e firmò gli 80 esemplari dell'edizione limitata. Lasker-Schüler scrisse questo poetico libro di viaggio, che sottace completamente il conflitto tra ebrei e arabi in Palestina, in ricordo del suo primo soggiorno in Terra Santa nel 1934.<BR/>
Frontespizio e prima pagina de La Terra degli Ebrei, opera pubblicata a Zurigo nel 1937 dalla casa editrice Oprecht (Collezione privata) © Foto Zentralbibliothek Zürich.
(...)


Bibliografia
– E. Klüsener, E. Lasker-Schüler, 1980 (200210)
– S. Bauschinger, E. Lasker-Schüler, 2004

Autrice/Autore: Hans-Jürgen Schrader / mdi