• <b>Else Lasker-Schüler</b><br>Frontespizio e prima pagina de <I>La Terra degli Ebrei</I>, opera pubblicata a Zurigo nel 1937 dalla casa editrice Oprecht (Collezione privata) © Foto Zentralbibliothek Zürich. Il disegno sul frontespizio con il sottotitolo in ebraico ("I coloni il giorno dello Shabbat a Gerusalemme") fu realizzato dalla stessa autrice, che colorò a mano e firmò gli 80 esemplari dell'edizione limitata. Lasker-Schüler scrisse questo poetico libro di viaggio, che sottace completamente il conflitto tra ebrei e arabi in Palestina, in ricordo del suo primo soggiorno in Terra Santa nel 1934.

No 1

Lasker-Schüler, Else

nascita 11.2.1869 Elberfeld (oggi Wuppertal),morte 22.1.1945 Gerusalemme, isr., cittadina ted. (privata della cittadinanza nel 1938). Figlia di Aron Schüler, impiegato di commercio, e di Jeannette Kissing. ∞ 1) Berthold Lasker, medico; 2) Georg Levin (pseudonimo: Herwarth Walden), scrittore espressionista, redattore ed editore (divorzio nel 1912). Esordì con la raccolta lirica Styx (1902) e acquisì rinomanza come autrice di poesie espressioniste, drammaturga, narratrice, disegnatrice e celebrata musa della bohème artistica (fu amica di Peter Hille, Gottfried Benn, Franz Marc, Karl Kraus). In seguito ai frequenti soggiorni a Zurigo, Locarno, Lugano, Ascona e Davos (1917-27) in occasione di serate dadaiste, incontri di lettura, soggiorni di vacanza e visite in sanatorio al figlio Paul (morte 1927), fu posta sotto sorveglianza dalla polizia degli stranieri e dalla gendarmeria dell'esercito. Nel 1933 fuggì dalla Germania nazionalsocialista e fino al 1939 risiedette a Zurigo e Ascona. Nonostante il divieto di esercitare un'attività lavorativa e i provvedimenti di espulsione sempre più incalzanti, riuscì, grazie alla disponibilità di amici sviz., a portare in scena il dramma Arthur Aronymus allo Schauspielhaus di Zurigo (1936) e a pubblicare La Terra degli Ebrei per i tipi dell'Oprecht-Verlag (1937). Espulsa dalla Svizzera, compì tre viaggi in Palestina, l'ultimo dei quali senza possibilità di ritorno a causa dello scoppio della guerra. Fu insignita del premio Kleist (1932).

<b>Else Lasker-Schüler</b><br>Frontespizio e prima pagina de <I>La Terra degli Ebrei</I>, opera pubblicata a Zurigo nel 1937 dalla casa editrice Oprecht (Collezione privata) © Foto Zentralbibliothek Zürich.<BR/>Il disegno sul frontespizio con il sottotitolo in ebraico ("I coloni il giorno dello Shabbat a Gerusalemme") fu realizzato dalla stessa autrice, che colorò a mano e firmò gli 80 esemplari dell'edizione limitata. Lasker-Schüler scrisse questo poetico libro di viaggio, che sottace completamente il conflitto tra ebrei e arabi in Palestina, in ricordo del suo primo soggiorno in Terra Santa nel 1934.<BR/>
Frontespizio e prima pagina de La Terra degli Ebrei, opera pubblicata a Zurigo nel 1937 dalla casa editrice Oprecht (Collezione privata) © Foto Zentralbibliothek Zürich.
(...)


Bibliografia
– E. Klüsener, E. Lasker-Schüler, 1980 (200210)
– S. Bauschinger, E. Lasker-Schüler, 2004

Autrice/Autore: Hans-Jürgen Schrader / mdi