05/01/2015 | segnalazione | PDF | stampare

Valsainte, La

Certosa situata nel com. di Cerniat (FR), nella diocesi di Losanna; (nome originario: Val de tous les Saints; lat.: Vallis sanctorum omnium). È l'ultimo monastero certosino esistente in Svizzera. Fu fondato nel 1295 da Girard I e Girard II de Corbières e riccamente dotato di beni e diritti signorili situati principalmente nella valle del Javroz, dove il monastero deteneva anche la giustizia criminale. I diritti vennero confermati dalla Savoia nel 1369. Nel 1381 fu completamente distrutto dalle fiamme. Acquistata dalla contea di Gruyère (1454), la certosa passò a Friburgo nel 1553.

Presso i Friburghesi, ad eccezione del patriziato cittadino, il convento godeva di grande popolarità. I monaci provenivano soprattutto dalla Svizzera romanda, dalla Savoia e dalla Francia. Dal XVI sec. la città tentò di sopprimere la certosa che però, aiutata della Francia, resistette a lungo con successo. Nel 1778 il papa ne permise la soppressione. I beni passarono al collegio Saint-Michel, al seminario di Friburgo e al vescovo di Losanna. I monaci si trasferirono nella certosa di La Part-Dieu presso Bulle. Tra il 1791 e il 1798 V. ospitò trappisti franc. in fuga. Elevata al rango di abbazia cistercense da Pio VI nel 1794, fu poi occupata da cistercensi di Soligny (Normandia, 1802-12 e 1814-15). Dopo aver ospitato i redentoristi (1818-24), fu venduta e demolita, ad eccezione del corpo centrale risalente al 1729. I certosini, cacciati da La Part-Dieu nel 1848, riacquisirono V. nel 1859. Nel 1861 il Gran Consiglio friburghese ne decise, con lo scarto di un solo voto, il ripristino. La ricostruzione del convento, dedicato a S. Maria Assunta, avvenne tra il 1863 e il 1868. Fu ampliato nel 1886 e 1901 per accogliere certosini espulsi dalla Francia; questi edifici furono demoliti nel 2006 in seguito a un lento cedimento del pendio. La chiesa fu restaurata nel 1971. Nel 2012 la certosa di V., autonoma sul piano economico ed energetico, contava sette padri e otto fratelli, di cui quasi la metà originari della Svizzera ted.


Bibliografia
– A. M. Courtray, Histoire de La Valsainte, 1914 (rist. accorciata 1986)
– J. Jordan, La suppression de la chartreuse de La Part-Dieu et le rétablissement de celle de La Valsainte, 1961
HS, III/4, 240-307

Autrice/Autore: Peter F. Kopp / sma