06/08/2009 | segnalazione | PDF | stampare

Pfanneregg

Convento di cappuccine a Wattwil (SG) che trae origine da una comunità di suore eremite sull'Hünersedel (Sedel) nei pressi della fortezza di Iberg. Le religiose, che osservavano la regola del terzo ordine francescano, scambiarono la loro casa sul passo del Ricken, via di collegamento molto frequentata, con una dimora abitata da monaci eremiti (detta Bärenfels), situata sull'altra sponda della Thur in località P. La comunità delle suore di P. è menz. la prima volta nel 1411, quando l'abate di San Gallo Kuno von Stoffeln diede in feudo alle religiose l'appezzamento su cui sorgeva il convento e impose loro una regola. Mentre i diritti di patronato erano detenuti dall'abate di San Gallo, il convento era sottoposto al diritto di visita del provinciale della provincia degli Scalzi di Strasburgo. Nel 1525 24 suore, tra cui due sorelle di Ulrich Zwingli, aderirono alla Riforma e furono dotate su ordine e in presenza dello stesso riformatore. Le otto religiose rimaste fedeli al cattolicesimo si ritrovarono in condizioni di grande povertà. Dopo la seconda guerra di Kappel (1531), la situazione dei catt. nel Toggenburgo migliorò e l'esistenza del convento fu garantita. Nella seconda metà del XVI sec. le autorità intervennero a seguito dell'allentamento della disciplina monastica. Nel 1579 il diritto di visita passò all'abbazia di San Gallo. Durante il suo mandato (1574-1611), la madre superiora Elisabeth Spitzlin introdusse importanti cambiamenti. Il suo incontro con il cappuccino Ludwig von Sachsen a Einsiedeln nel 1586 la convinse ad applicare la riforma francescana; nel 1591 la comunità fu trasformata in un convento di cappuccine. La cosiddetta riforma di P., oltre a toccare gran parte dei conventi delle terziarie francescane ancora esistenti in Svizzera dopo la Riforma, si diffuse fino in Germania, Austria e Alsazia. Un anno dopo l'incendio del 1620 fu eretto un nuovo convento sul Wenkenrüti a Wattwil, secondo le norme tridentine. Nel 1726 venne introdotta la rigida clausura, nel 1771 l'Adorazione perpetua. Dal 1847 l'attuale convento di Wattwil è sottoposto al diritto di visita del vescovo di San Gallo.


Bibliografia
HS, V/1, 609-662; V/2, 1095-1103, 1123; IX/2, 578-588
– C. Schweizer, «Schwestern ohne Kapuze dennoch Kapuzinerinnen», in Helvetia Franciscana, 37, 2008, 257-265

Autrice/Autore: Christian Schweizer / sma