29/10/2009 | segnalazione | PDF | stampare
No 7

Fries, Johannes

Nell’edizione a stampa questo articolo è corredato da immagini. È possibile ordinare il DSS presso il nostro editore.

nascita 1505 Greifensee,morte 28.1.1565 Zurigo, dal 1538 cittadino di Zurigo. Figlio di Konrad. ∞ 1) (1529) Elsi Hüss; 2) Elisabeth Schiltlin, di San Gallo. Dopo la formazione di pastore al Carolinum di Zurigo, partecipò nel 1528 alla Disputa di Berna. Nel 1531 fu pastore a Witikon (oggi com. Zurigo). Magister all'Univ. di Parigi nel 1535, insegnò lingue classiche a Basilea (1536) e lingue antiche e musica a Zurigo (dal 1537). Con lo pseudonimo di Frisius pubblicò nel 1548 un dizionario lat.-franc.-ted., mentre nel 1554 vide la luce il cosiddetto "piccolo Fries" (un dizionario lat.-ted. per studenti) e nel 1556 fu la volta del più completo "grande Fries". Le opere furono poi regolarmente ristampate fino nel XVIII sec. F. tradusse in ted. una parte dei commentari biblici di Heinrich Bullinger, fu editore e traduttore di diversi autori lat. e scrisse testi di introduzione alla musica (Isagoges musicae, 1552).


Bibliografia
– W. Kettler, «J. Fries - "Günstling" Zwinglis, Lexikograph und Pädagoge», in Reformiertes Erbe, a cura di H. A. Oberman et al., 1, 1992, 207-212
– Kosch, Deutsches Literatur-Lex., vol. suppl. 4, 59 sg.
– P. Bührer, «J. Fries 1505-1565», in ZTb 2002, 2001, 151-231

Autrice/Autore: Karin Marti-Weissenbach / cne