• <b>Johann Gottfried Ebel</b><br>Ritratto apparso nel 1833 nel <I>Neujahrsblatt der Stadtbibliothek Zürich</I>; acquaforte di  Johann Heinrich Meyer (Zentralbibliothek Zürich, Graphische Sammlung und Fotoarchiv).

No 1

Ebel, Johann Gottfried

nascita 6.10.1764 Züllichau (Slesia prussiana, oggi Sulechow, Polonia), morte 8.10.1830 Zurigo, rif., cittadino ted., franc. dal 1796, della Repubblica elvetica dal 1801, di Zurigo dal 1803. Figlio di un commerciante. Studiò medicina a Francoforte sull'Oder, laureandosi nel 1789. Soggiornò a Zurigo dal 1790 al 1792, anno in cui pubblicò una guida turistica "per visitare la Svizzera in modo utile e dilettevole" (Anleitung, auf die nützlichste und genussvollste Art die Schweiz zu bereisen). Questa guida, in cui una particolare attenzione veniva data alla geologia, in seguito venne rivista e ristampata più volte, e influenzò tra l'altro il Guglielmo Tell di Schiller. Partigiano della Rivoluzione franc., nel 1796 si recò a Parigi, dove si dedicò tra l'altro all'elaborazione di riforme politiche per la Svizzera, Paese che rivisitò a più riprese dal 1802 in poi. Il suo libro Über den Bau der Erde in dem Alpen-Gebirge (1808) fu il primo tentativo di proporre una vera e propria sintesi della geologia alpina. A partire dal 1810 visse a Zurigo presso la fam. Escher-Gossweiler; membro di diverse Soc. di scienze naturali, si occupò anche di discipline marginali, come l'impiego della bacchetta da rabdomante o il magnetismo animale. Nel 1813 uscì un suo memoriale sulle vicissitudini politiche sviz., intitolato Abriss des politischen Zustandes der Schweiz. Il nascente interesse turistico per la Svizzera fu in parte dovuto ai suoi racconti di viaggio.

<b>Johann Gottfried Ebel</b><br>Ritratto apparso nel 1833 nel <I>Neujahrsblatt der Stadtbibliothek Zürich</I>; acquaforte di  Johann Heinrich Meyer (Zentralbibliothek Zürich, Graphische Sammlung und Fotoarchiv).<BR/>
Ritratto apparso nel 1833 nel Neujahrsblatt der Stadtbibliothek Zürich; acquaforte di Johann Heinrich Meyer (Zentralbibliothek Zürich, Graphische Sammlung und Fotoarchiv).
(...)


Archivi
– Fondo presso StAZ
Bibliografia
– M. Brunner, J. G. Ebel, 1976
– P. Faessler, J. G. Ebel als Reiseliterat, 1983
– T. Germann «J. G. Ebel und sein Panorama von der Albishochwacht», in Cartographica Helvetica, 1996, fasc. 13, 23-30
– C. Reichler, R. Ruffieux, Le voyage en Suisse, 1998, 637-655 (con estr. dal Manuel du voyageur en Suisse)
– AA. VV., Aus der Frühzeit der alpinen Geologie, 2001

Autrice/Autore: Christoph Mörgeli / ato