Walterswil (SO)

Com. SO, distr. Olten; (1283: Walderswile). Situato sul pendio meridionale dell'Engelberg, comprende i villaggi di W. e Rothacker e le fattorie isolate (un tempo corti, Steckhöfe) di Gulachen, Hennenbüel, Lischmatt e Höli. Pop: 187 ab. nel 1739, 280 nel 1798, 412 nel 1837, 448 nel 1850, 430 nel 1900, 548 nel 1950, 632 nel 2000. A Hennenbüel sono stati rinvenuti resti di una fortezza in terra e legno. W. era soggetto al capitolo di Schönenwerd. L'alta giurisdizione era detenuta dagli avogadri, ossia dagli Asburgo, che poi la concessero in feudo ai von Falkenstein; solo in seguito anche la bassa giurisdizione passò dal capitolo agli avogadri. Nel 1458 W. fu acquisito da Soletta assieme al baliaggio di Gösgen e integrato con Gretzenbach, Däniken e Eppenberg-Wöschnau nella giurisdizione di Schönenwerd. Nel 1771 il com. costruì un proprio edificio scolastico. L'annessione di Grod a W. fu rifiutata da entrambi i com. nel 1818. Sul piano ecclesiastico W. fece capo a Gretzenbach, prima di divenire una parrocchia autonoma (1840). Nel 1275 è menz. una chiesa, nel 1733 fu edificata una cappella e nel 1839 l'odierna chiesa di S. Giuseppe a Rothacker. I rif. di W. dipendono dal com. parrocchiale di Olten, ma sono serviti da quello di Safenwil in Argovia. Nel 1837 nel villaggio erano attivi 17 tessitori. All'inizio del XXI sec. il com., caratterizzato dall'agricoltura e dall'artigianato, contava numerosi pendolari in uscita verso Zofingen, Olten e Aarau.


Bibliografia
– H. Sigrist, «Der Kauf der Herrschaft Gösgen 1458», in JbSolG, 31, 1958, 5-20
– U. Wiesli, Geographie des Kantons Solothurn, 1969

Autrice/Autore: Hans Brunner / uba