25/08/2011 | segnalazione | PDF | stampare
No 97

Schmid, Karl

Nell’edizione a stampa questo articolo è corredato da un’immagine. È possibile ordinare il DSS presso il nostro editore.

nascita 31.3.1907 Zurigo,morte 4.8.1974 Zurigo, rif., di Wikon e dal 1927 di Zurigo. Figlio di Karl, docente di ted. alla scuola di commercio cant. di Zurigo, e di Anna Hunziker. ∞ (1940) Elsie Attenhofer. Studiò germanistica, storia e storia dell'arte a Zurigo, Marburgo e Berlino (1926-34), conseguendo il dottorato (1935). Fu supplente in diverse scuole medie zurighesi (dal 1931), docente titolare al liceo cant. di Zurigo (dal 1938), professore straordinario (dal 1943) e ordinario (1947-74) di lingua e letteratura ted. al Politecnico fed. di Zurigo (rettore 1953-57). Esponente di spicco della Difesa spirituale, durante la seconda guerra mondiale tenne conferenze per la sezione Esercito e Focolare. Come Jean Rudolf von Salis, dopo la guerra criticò una continuazione della Difesa spirituale al servizio dell'anticomunismo. Le sue numerose pubblicazioni lo resero un portavoce liberale del dibattito sociopolitico sulla Svizzera. In ambito letterario percorse nuove vie promuovendo giovani autori sviz. e stabilendo con loro contatti personali, spec. con Max Frisch. I suoi corsi serali sulla letteratura sviz. al Politecnico fed. richiamarono un vasto pubblico. Nel 1963 pubblicò lo studio Unbehagen im Kleinstaat sul distacco del cittadino del piccolo Stato sviz. dalla propria patria. Il capitolo su Max Frisch provocò la rottura tra i due. Segr. del premio Charles Veillon per il romanzo di lingua ted. (1954-71), pres. dell'Aiuto sviz. all'estero (1959-65) e del Consiglio sviz. della scienza (1969-72), influenzò anche a livello istituzionale l'autorappresentazione della Svizzera. Presiedette inoltre la commissione di studio per le questioni strategiche (1967-70) e auspicò un esercito forte. Nel 1992 nacque a Zurigo la Fondazione Karl Schmid che assegnò più volte l'omonimo premio. Fu insignito del dottorato h.c. dall'Univ. di San Gallo (1967). Colonnello di Stato maggiore generale (1951).


Opere
Gesammelte Werke, 6 voll., 1998
Gesammelte Briefe, 2 voll., 2000
Archivi
– Fondo presso AfZ
Bibliografia
– E. Attenhofer, Réserve du Patron, 1989
L'Etat-major, 8, 318 sg.
– B. Meier (a cura di), Das Unbehagen im Kleinstaat Schweiz, 2007

Autrice/Autore: Thomas Sprecher, Daniel Schmid / sma