Hägendorf

Com. SO, distr. Olten; (1036: Hagendorf, in una copia del documento originale; 1102-03: Haegindorf). In origine villaggio allineato lungo il torrente, situato alle pendici meridionali del Giura, comprende insediamenti sparsi su Vogelberg e Eggberg e cascinali nel Giura, tra cui Allerheiligenberg. Pop: 569 ab. nel 1739, 656 nel 1800, 1113 nel 1850, 1494 nel 1900, 2096 nel 1950, 4178 nel 2000.

Sono stati rinvenuti reperti neolitici a Chanzelflue, Zoll e nel Weiherägertli e villae romane a Santel e Thalacker. Nel VII sec. vi fu probabilmente una colonizzazione alemanna. La chiesa fu assegnata nel 1036 dal conte Ulrich I von Lenzburg al convento di Beromünster. I diritti di patronato, detenuti dal convento basilese di Sankt Alban (1098), furono nel 1336 ceduti dal conte Johann von Frohburg al monastero di Sankt Urban e nel 1546 venduti a Soletta, proprietaria dal 1463 del baliaggio di Bechburg. La chiesa era dedicata ai SS. Gervasio e Protasio. La Riforma non riuscì ad affermarsi nel villaggio. Fino al XVII sec. Boningen, Gunzgen, Kappel e temporaneamente anche Wangen bei Olten e Fulenbach fecero capo alla parrocchia di H.; Rickenbach ne dipende tuttora. La vecchia chiesa fu demolita nel 1862 e ricostruita in stile neogotico (restauri nel 1962 e 1992). Nel 1423 sono menz. una dogana (valico nel Giura) e una locanda. Gli statuti com. del 1754 e 1795 regolamentavano spec. il diritto di domicilio degli stranieri. Un granaio che dipendeva dalle autorità risale alla metà del XVI sec.; la scuola circondariale al 1905 (dal 1980 scuola del circondario di Untergäu). Nel 1808 nel com. vivevano 35 contadini proprietari, 103 Tauner, 17 tessitori e otto maglieristi, oltre ad alcuni artigiani. Le difficoltà economiche costrinsero molti all'emigrazione: nel 1717 nove fam. emigrarono in Ungheria, nel 1819 12 ab. in Brasile e nel 1854 128 negli Stati Uniti. Dalla metà del XIX sec. diversi giornalieri trovarono lavoro nelle industrie di Olten e divennero contadini-operai, allevando piccoli animali accanto all'attività in fabbrica. Il lavoro a domicilio nel settore tessile, per conto di imprenditori basilesi, fu praticato fino alla fine del XIX sec. La ferrovia del Gäu (1876), la bonifica del Dünnern (1933-43) e la costruzione dell'A2 (tunnel del Belchen, 1969) trasformarono radicalmente l'insediamento. Fino alla metà del XX sec. ad H. l'industria era praticamente assente. Verso il 1960 iniziò un periodo di rapida espansione edilizia sul versante sud del Giura e sulla piana della Dünnern. La vicinanza all'incrocio autostradale Egerkingen-Härkingen rende oggi H. interessante quale com. residenziale e come sede di industrie (materiali da costruzione, ditte di trasporti, commercio di piante e di libri).


Bibliografia
– P. Hofer, Neunhundert Jahre Pfarrei Hägendorf-Rickenbach, 1963
– H. A. Siegrist (a cura di), Hägendorfer Jahrringe, fasc. 1-, 1986-

Autrice/Autore: Hans A. Sigrist / cmu