Gretzenbach

Com. SO, distr. Olten; (778: Grezzinbach secondo una copia del X sec.; 1265: Grezenbach). Comprende il villaggio omonimo, la frazione di Weid e l'ex com. di Grod, unito a G. nel 1973. Il villaggio è posto su terrazzi fluviali scavati da diversi corsi dell'Aar. Pop: 170 ab. nel 1739, 475 nel 1804, 564 nel 1850, 979 nel 1900, 1442 nel 1950 (senza Grod), 1621 nel 1980, 2135 nel 1990, 2393 nel 2000. A fianco della chiesa sono stati rinvenuti resti di una villa romana. Nel tardo ME G. fu sottoposto al dominio del capitolo di Schönenwerd, i cui avogadri, i signori von Gösgen-Falkenstein, vi esercitarono la giurisdizione, ceduta a Soletta nel 1458. Quale parrocchia più antica del Niederamt, G. comprendeva anche Schönenwerd, Eppenberg-Wöschnau, Däniken (fino a oggi), Grod, Walterswil-Rothacker e Safenwil. Collazione e patronato furono del capitolo di Schönenwerd, cui G. fu incorporato nel 1358. La chiesa è attestata nel 1352 come Gotteshus Kilchberg, nel 1485 come Sant Peter zuo Kilchbüel; la chiesa attuale dei SS. Pietro e Paolo fu costruita nel 1669, ampliata nel 1884 e da allora più volte restaurata. G. forma con Däniken una circoscrizione parrocchiale della parrocchia rif. di Schönenwerd. Nel 1627 il villaggio fu scorporato dal baliaggio di Gösgen e assegnato a quello di Olten (Schultheissenamt). Gli statuti com. risalgono al 1763. G. costituiva, insieme a Däniken, Schönenwerd, Eppenberg e Wöschnau, la giurisdizione di Werd. Nel 1764 a G. fu istituita una scuola, frequentata anche dagli scolari degli altri villaggi della giurisdizione. Dopo la fondazione delle fabbriche di scarpe Bally (1851), uomini e donne trovarono lavoro a Schönenwerd o svolsero lavoro a domicilio supplementare per conto della ditta. Fino al più recente passato il villaggio ha conservato il suo carattere rurale con piccoli artigiani e numerosi pendolari. Aziende industriali vi si sono installate solo dal 1980. Nonostante la linea Olten-Aarau delle FFS attraversi il territorio com., G. non dispone di una stazione ferroviaria; dal 1990 è tuttavia collegato alla rete regionale dei bus di Aarau.


Bibliografia
– A. Jäggi, Gretzenbach, 1966

Autrice/Autore: Hans Brunner / sma