09/11/2004 | segnalazione | PDF | stampare

Burgäschi

Com. Aeschi (SO), distr. Wasseramt; (antico nome franc.: Aeschi-le-Château). Il piccolo insediamento, che sovrasta l'omonimo lago, costituì dal 1830 al 1993 un com. autonomo. Pop: 58 ab. nel 1798, 76 nel 1850, 63 nel 1900, 54 nel 1950, 78 nel 1990. Sono stati ritrovati oggetti in selce del Paleolitico e insediamenti del Mesolitico e del Neolitico attorno al lago di B., un tempo di maggiore estensione. La fortezza, costruita attorno al 1100 dagli scudieri nobili di Esche e passata in proprietà ai signori von Stein, fu distrutta nel 1332 durante la guerra del Gümmenen da truppe solettesi e bernesi. La città di Soletta assunse la signoria e i diritti di patronato e assegnò B. al baliaggio di Kriegsstetten (giurisdizione di Subingen). Sul piano ecclesiastico B. appartiene alla parrocchia di Aeschi dalla sua fondazione (1683). Dal 1941 al 1943 furono effettuati lavori di bonifica del lago e creata la riserva naturale protetta del Burgmoos. La riva del lago accessibile è oggi un apprezzato e distensivo paesaggio.


Bibliografia
– W. Flückliger, «Die steinzeitliche Siedlung "Hintere Burg"», in JbSolG, 1964, 263-304

Autrice/Autore: Urs Zurschmiede / cal