Jiddisch

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

Dalla fine del XIX sec. è detta jiddisch (yiddish, jiddish) la lingua degli ebrei ted. (Giudaismo), fino ad allora nota come il ted. degli ebrei (Judendeutsch). Formatosi dopo l'immigrazione di ebrei nella regione tra Reno e Mosella (dal X sec.), lo jiddisch trae origine dalla lingua ted., che con il crescente isolamento degli ebrei dal XIII sec. accolse vocaboli ebraico-aramaici (10-12% del lessico) appartenenti soprattutto alla sfera del sacro e della vita quotidiana. Rispetto all'evoluzione linguistica panted., lo jiddisch mantenne quasi inalterate le radici ted., divenendo una lingua autonoma (anche se secondo altre interpretazioni sarebbe semplicemente un socioletto). Con l'emigrazione di ebrei ted. verso est in seguito alle persecuzioni del XIV sec., nacque per influsso di elementi slavi una nuova variante della lingua, lo jiddisch orientale, che dopo il genocidio nazista scomparve quasi completamente nell'area di origine (spec. Lituania, Polonia e Russia), mentre sopravvive ancora spec. negli Stati Uniti e in Israele.

L'area di diffusione dello jiddisch occidentale si ridusse progressivamente in seguito alla discriminazione degli ebrei ma anche alla loro assimilazione e ascesa sociale; nel XX sec. era ormai parlato solo in alcune località dell'Alsazia e del Baden meridionale e in Svizzera a Endingen e Lengnau (AG), dove prima della Rivoluzione franc. erano stati confinati gli ebrei residenti nella Conf. I due villaggi, situati nella valle della Surb, erano permeati da una ricca cultura ebraica. Cadute le restrizioni alla libertà di domicilio, la maggior parte degli ebrei della valle della Surb, che avevano ancora dimestichezza con lo jiddisch, si trasferì a Zurigo o in altre città; nella valle della Surb l'ultimo ebreo che conosceva questa lingua morì nel decennio 1980-90.


Bibliografia
– F. Guggenheim-Grünberg, Die Sprache der Schweizer Juden von Endingen und Lengnau, 1950
Surbtaler Jiddisch: Endingen und Lengnau, 1966 [dischi e opuscolo; 2000 CD]
– F. Guggenheim-Grünberg, Jiddisch auf alemannischem Sprachgebiet. 56 Karten zur Sprach- und Sachgeographie, 1973
– F. Guggenheim-Grünberg, Wörterbuch zu Surbtaler Jiddisch, 1976
– B. Simon, Jiddische Sprachgeschichte, 1988
– R. Lötzsch, Jiddisches Wörterbuch, 19922
– A. Starck, Un beau livre d'histoire, 2 voll., 2004
– J. Fleischer Westjiddisch in der Schweiz und Südwestdeutschland, 2005 (con 2 CD)

Autrice/Autore: Robert Schläpfer / vfe