01/04/2014 | segnalazione | PDF | stampare | 

Stüsslingen

Com. SO, distr. Gösgen; (1226: Stuzelingen). Villaggio disposto lungo un torrente ai piedi della Rebenfluh e della catena del Gugen. Pop: 315 ab. nel 1739, 535 nel 1804, 649 nel 1850, 565 nel 1900, 638 nel 1950, 945 nel 2000. L'alta giustizia fu amministrata dagli Asburgo, dai signori von Gösgen, dai conti von Nidau e dai von Küngstein. Nel 1458 S. fu venduto a Soletta. A S. si trovava un posto di dogana (1540-48 e 1575-83). La chiesa dei SS. Pietro e Paolo, menz. nel 1323, fu ricostruita nel 1631-35; sostituita nel 1949 dalla nuova chiesa parrocchiale di S. Pietro (costruita nel 1948), da allora è utilizzata come cappella funeraria. I diritti di patronato furono detenuti dalla fam. Stieber di Aarau (dal 1323), dai gerosolimitani di Biberstein (dal 1343), da Berna (dal 1535) e dal capitolo di Schönenwerd (1541-1874). La parrocchia comprendeva anche Rohr e, fino al 1838, Niedergösgen. I rif. di S. fanno capo al com. parrocchiale di Schönenwerd e formano una circoscrizione con Niedergösgen e Rohr; dispongono tuttavia di una propria casa parrocchiale. Dopo la metà del XIX sec. i piccoli contadini e i giornalieri trovavano lavoro nelle fabbriche Bally a Schönenwerd. Nella seconda metà del XX sec. S. si è trasformato in com. residenziale con un numero crescente di pendolari in uscita.


Bibliografia
– A. Guldimann, Zur Weihe der neuen Pfarrkirche, 1949

Autrice/Autore: Hans Brunner / frm