07/09/2005 | segnalazione | PDF | stampare

Gempen

Com. SO, distr. Dorneck; (1277: Gempenon). Situato sul fianco orientale della Schartenfluh e della Gempenfluh, comprende gli insediamenti di Gempenstollen, Sch÷nmatt e Baumgarten. Pop: 155 ab. nel 1739, 219 nel 1789, 378 nel 1850, 355 nel 1900, 301 nel 1950, 747 nel 2000. Sono stati rinvenuti reperti del Neolitico e dell'alto ME e resti di una strada romana. Il capitolo di Basilea possedeva a G. una corte (Dinghof) con tribunale di alta giurisdizione, che infeud˛ ai signori von Thierstein. Nel 1485 una prima metÓ della signoria di Dorneck-G. pass˛ a Soletta, che nel 1502 ricevette l'altra metÓ (con la signoria di BŘren). Nel 1530 il capitolo vendette la decima e i diritti di collazione a Soletta. Dopo la guerra della Forca, scoppiata nel 1531 fra Basilea e Soletta a causa del patibolo fatto erigere da quest'ultima a G., il villaggio pass˛ interamente sotto il dominio solettese. Fino al 1798 G. fece dunque parte del baliaggio e della giurisdizione di Dorneck. Nel 1566 e nel 1793 grossi incendi danneggiarono G. Nel 1301 Ŕ attestata una cappella. Dal 1460 le entrate di G. andarono alla neoistituita Univ. di Basilea, che in cambio si assunse la cura delle anime. Con la Riforma, G. aderý alla nuova fede. La parrocchia fu unita a Dornach nel 1534, dotata di un proprio vicario nel 1756 e di un proprio pastore nel 1828. La chiesa di S. Biagio Ŕ menz. dal 1619. L'attivitÓ economica prevalente era l'agricoltura, spec. la produzione di frutta (ciliege), ma rilevanti erano anche il commercio di latte con Basilea e il commercio di legname. Fino al XIX sec. a G. fu estratto anche minerale di ferro. Oggi a G. vi sono diverse attivitÓ commerciali. Pi¨ della metÓ della pop. attiva Ŕ costituita da pendolari. G. Ŕ un com. residenziale, ma anche meta di escursioni per gli ab. della regione di Basilea: la torre panoramica sulla Schartenfluh fu costruita nel 1897.


Bibliografia
MAS SO, 3, 1957, 297-299
Gedenkschrift zur Innenrenovation der St. Blasiuskirche Gempen 1965-1967, 1967
– R. M. Kully, Solothurnische Ortsnamen, 2003, 309-311

Autrice/Autore: Lukas Schenker / sgh