Tentlingen

Com. FR, distr. Sense; (1201-12: Tentenens; franc.: Tinterin). Villaggio strada situato sopra la gola del fiume Gérine, a sud est di Friburgo. Pop: 177 ab. nel 1811, 256 nel 1850, 416 nel 1900, 469 nel 1950, 1147 nel 2000. Sono state rinvenute tracce di insediamenti del Bronzo medio. Assieme alla fortezza (menz. la prima volta nel 1434 e probabilmente distrutta nel XVI sec.), T. appartenne dapprima ai conti von Thierstein e poi, al più tardi nel 1442, a Friburgo quale parte delle Anciennes Terres ("bandiera" del Bourg). Il com. fece parte del distr. di Friburgo (dal 1798) e del distr. ted. (1838-48). Sul piano ecclesiastico T. dipese da Marly, da cui nel 1630 si separò Giffers, che in seguito formò una parrocchia con T., Neuhaus e Sankt Silvester. Nel XVIII sec. la fam. de Gady costruì di fronte all'antica fortezza una casa signorile, il cosiddetto castello, dove Nicolas de Gady fece erigere una lapide in memoria del massacro delle Tuileries del 1792 (spostata nel 1979). Nel 1990 venne aperto un ist. per adulti con handicap mentali e cerebrolesi. T. perse il suo carattere rurale (79% di pendolari in uscita nel 2000). All'inizio del XXI sec. possibilità di lavoro erano offerte, oltre che dai servizi e dall'artigianato, anche dall'industria (per esempio estrazione della ghiaia, preparazione di calcestruzzo). In vari ambiti (scuola, officina com., approvvigionamento idrico, gestione dei rifiuti, protezione civile) T. collabora strettamente con Giffers.


Bibliografia
– D. e E. Buchs, Tentlingen, 2001

Autrice/Autore: Eveline Seewer Bourgeois / sma