No 1

Rima, Tommaso

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita 11.12.1775 Mosogno, morte 26.2.1843 Venezia, catt., di Mosogno. Figlio di Giacomo Antonio e di Maria Zaveria Picchioni. ∞ 1) una Maria Antonia; 2) (1814) Teresa Lalatta, marchesa, di Parma. Divenne dottore in medicina (1796) e chirurgia (1798) a Roma. Fu chirurgo-maggiore al servizio della Francia, capochirurgo degli ospedali militari di Modena (1803) e Milano (1807), poi di tutti gli ospedali militari del Regno d'Italia (1807), professore di chirurgia a Milano (1808), capochirurgo dell'ospedale militare di Mantova (1811), medico e chirurgo a Pavia (1814), capochirurgo dell'ospedale di Ravenna (1820) e dell'ospedale provinciale di Venezia (1822). Autore di trattati sulla chirurgia, descrisse per primo il movimento inverso del sangue venoso come causa ed effetto delle varici delle gambe, che cur˛ mediante interventi chirurgici (legatura della safena).


Fonti
– A. Rima (a cura di), Autobiografia di T. Rima (1775-1843), 1987
Bibliografia
– L. Belloni (a cura di), źL'autobiografia del chirurgo T. Rima╗, in Gesnerus, 10, 1953, 151-186

Autrice/Autore: Hubert Steinke / mdi