09/12/2010 | segnalazione | PDF | stampare

Rüschlikon

Com. ZH, distr. Horgen; (1153-55: Rouslinchoven). Com. dell'agglomerato di Zurigo situato sulla riva sinistra del lago di Zurigo. Pop: 40 fuochi nel 1467, 515 ab. nel 1671, 825 nel 1836, 909 nel 1850, 1567 nel 1900, 3316 nel 1950, 4858 nel 2000. Sono stati rinvenuti strati abitativi neolitici (cultura di Horgen) presso R.-Röhrli (sondaggi archeologici del 1977), tumuli della cultura di Hallstatt con una sepoltura a incinerazione e corredi in località R.-Feldimoos (1964) e tombe a cista altomedievali (vecchi scavi). Per l'alta e la bassa giustizia la curtis di R. dipendeva dal Grossmünster di Zurigo (statuti del 1346 e del 1390). Esisteva inoltre un baliaggio (Gerichtsvogtei) asburgico (menz. nel 1335). Dopo aver acquisito il baliaggio di Horgen-Maschwanden (1406) e secolarizzato in parte il capitolo del Grossmünster durante la Riforma, la città di Zurigo (baliaggio di Horgen) entrò in possesso di tutti i diritti sul villaggio. Fino al 1798 R. fece parte della giurisdizione di Thalwil-Kilchberg (tribunale a R.). Attestata dal 1530, la locanda Zur Rose servì inizialmente da casa com. per tutti i villaggi del com. parrocchiale di Kilchberg. La sorgente di acqua sulfurea di Nidelbad, conosciuta dal XVI sec., fu sfruttata da uno stabilimento di cura dal 1709 al 1890. Sul piano ecclesiastico, dal ME fino all'inizio del XVIII sec. gli ab. di R. dipesero da Kilchberg; nel 1713 al posto della cappella filiale di S. Nicola (menz. nel 1314) venne eretta una chiesa. Nel 1721 fu istituito il com. parrocchiale rif. La pop. catt. fa capo alla parrocchia di Thalwil-R. (rettorato parrocchiale di R. dal 1969); la chiesa catt. di S. Nicolao risale al 1982.

Oltre alla campicoltura e all'allevamento, nel villaggio si praticava anche la viticoltura. Nel XVIII sec. Johann Jakob Scheuchzer descrisse la torbiera nel Moos. A R. si diffusero precocemente attività economiche non legate all'agricoltura, ad esempio la tessitura di calze. Nel 1787 si contavano 72 telai per la produzione di mussola, ma solo 14 persone attive nella filatura del cotone. Nel XIX sec. altre possibilità di impiego furono offerte dalle manifatture di maioliche di Jakob Fehr e Johannes Scheller (1830-66) e da una fonderia nonché da una tintoria al rosso turco e da un setificio (tutti nella seconda metà del sec.). La strada del lago (1838), la ferrovia della riva sinistra del lago (1875) e l'autostrada A3 (1966) collegarono il com. alla rete viaria. Nel 1962 il laboratorio di ricerca dell'IBM fu trasferito da Adliswil a R.; tra il 1968 e il 1983 lungo l'autostrada si insediarono ca. 20 nuove imprese industriali, commerciali e del terziario. Le fondazioni di Gottlieb e Adele Duttweiler, residenti a R., consentirono al com. di dotarsi di diverse istituzioni di utilità pubblica (tra l'altro il parco ricreativo nel 1946, il centro culturale Im Grüene e l'Ist. Gottlieb-Duttweiler nel 1963). L'ospedale Nidelbad (più tardi casa di cura), allo stesso tempo scuola della Soc. dei diaconi sviz., fu fondato nel 1908, il seminario di teol. battista nel 1948 (trasferito a Praga nel 1997).


Bibliografia
– W. Drack, «Der Hallstattgrabhügel II beim Feldimoos, Gemeinde Rüschlikon», in RSAA, 25, 1967/1968, 177-188
Heimatbuch der Gemeinde Rüschlikon, 2 voll., 1965-1984

Autrice/Autore: Martin Illi / sma