No 5

Pozzi, Giovanni

Consulti questa voce sul nuovo sito web del DSS (versione Beta)

nascita 20.6.1923 (Paolo) Locarno, morte 20.7.2002 Lugano, catt., di Locarno. Figlio di Ettore, titolare di una piccola impresa di pavimentazione, e di Maria Rosa Patocchi, impiegata nel settore alberghiero. A 11 anni entrò nel convento dei cappuccini di Faido, a 16 iniziò il noviziato a Cesena; fu ordinato sacerdote nel 1947. Dal 1948 al 1954 studiò lettere all'Univ. di Friburgo con Giuseppe Billanovich e Gianfranco Contini, laureandosi con una tesi sull'oratoria barocca. Libero docente (dal 1956) e professore straordinario (dal 1960) e ordinario (1967-88) di letteratura it. a Friburgo, fu saggista e critico letterario di fama intern. I suoi interessi, vertenti sin dall'inizio sui messaggi misti di parola e di immagine, sono culminati nel 1964 con l'edizione monumentale dell'Hypnerotomachia Poliphili di Francesco Colonna (1499); sul versante teorico, con il trattato La parola dipinta (1981) P. si è imposto come uno degli specialisti più autorevoli della letteratura dell'epoca barocca, spec. con le edizioni critiche e annotate delle Dicerie sacre (nel 1960) e dell'Adone (nel 1976 e 1988) di Giambattista Marino. È stato inoltre autore di importanti studi ed edizioni di scritture mistiche (Grammatica e retorica dei santi, 1997) e di originali esegesi iconografiche (Rose e gigli per Maria: un'antifona dipinta, 1987). Ha ottenuto i dottorati h.c. delle Univ. di Bologna, Ginevra e Udine, e prestigiosi riconoscimenti, tra cui il premio Galilei e il Viareggio per la critica letteraria. Notevole è stata la sua opera di consulenza e di riorganizzazione di fondi librari e di archivi friburghesi e ticinesi: in primis, la biblioteca Salita dei Frati di Lugano, in cui sono confluiti i suoi libri.


Bibliografia
– O. Besomi et al. (a cura di), Forme e vicende, 1988 (con elenco delle op.)
– D. Isella, Per G. Pozzi, 2001
– O. Besomi, «G. Pozzi», in AST, 133, 2003, 161-194

Autrice/Autore: Guido Pedrojetta