No 1

Pedrazzini, Alberto

nascita 20.4.1852 Locarno, morte 27.5.1930 Locarno, catt., di Campo (Vallemaggia). Figlio di Guglielmo, avvocato, e di Rosa Franzoni. Fratello di Martino ( -> 5). Nipote di Alberto Franzoni. ∞ Beatrice Pellegrini. Dopo gli studi a Monza, visse a Milano, dove si occupò soprattutto di critica d'arte e musicale. Tornato in Ticino, per il partito conservatore fu deputato al Gran Consiglio ticinese (1882-93, 1913-29) e membro delle tre Costituenti cant. (1891, 1892, 1921). La sua importanza (di dimensione locale) è legata all'attività giornalistica: fu redattore, fino al 1899, del giornale conservatore La Libertà, e poi redattore-proprietario della Cronaca ticinese (1901-26); editore delle prime pubblicazioni cristiano-sociali. Cospicua la sua attività di scrittore, scarsamente originale quanto a contenuti e conformista nella lingua, e di divulgatore; P. fu soprattutto autore di opere teatrali, nelle quali trattò anche temi storici del cant. (I novatori locarnesi, 1921; Simone da Locarno, 1924).


Bibliografia
Scrittori della Svizzera italiana, 1936, 96
– A. Gili, «Venticinque biografie cristiano-sociali nel solco ideale della "Rerum Novarum"», in Risveglio, 1991, n. 4, 13-22

Autrice/Autore: Chiara Orelli Vassere