Lurtigen

Ex comune FR, distretto Lac, dal 2016 parte del comune di Morat; (1397: Lurtens; 1508: Lurting; antico nome franc. Lourtens). Il villaggio si trova in una zona dissodata tra Morat e Laupen che, all'inizio del XXI sec., è ancora circondata quasi completamente da bosco, una situazione probabilmente unica nell'Altopiano sviz. Pop: 17 economie domestiche nel 1428, 4 nel XVII sec., 138 ab. nel 1811, 198 nel 1850, 200 nel 1900, 188 nel 1950, 179 nel 2000. Presso L. passava il decumanus maximus (strada principale romana), ipotizzato da Georges Grosjean, della più importante rete viaria tra Avenches est e Gümmenen. L. costituì una parte della signoria di Morat, che dopo le guerre di Borgogna divenne baliaggio comune di Berna e Friburgo, dal 1798 solo di Friburgo. Un consorzio di otto ab. di L. acquistò nel 1787 la curtis della fam. Velga, che dal 1626 era appartenuta alla comunione ereditaria della fam. von Diesbach-Liebistorf. L. fa parte del com. parrocchiale rif. di Morat. Con i villaggi di Altavilla e Burg bei Murten L. condivise dal 1684 una scuola di lingua ted.; dal 1812 ebbe un proprio edificio scolastico. La località conserva un notevole patrimonio architettonico del XVIII e XIX sec. (grandi case in legno originariamente con tetti a padiglione in paglia) e una stufa com. (sala per riunioni riscaldata), probabilmente del 1760, con un mobile di archivio del 1738. Ancora all'inizio del XXI sec. il villaggio presenta i tratti di un insediamento tradizionale, caratterizzato dall'agricoltura e dall'allevamento.


Bibliografia
– J. P. Anderegg, Die Bauernhäuser des Kantons Freiburg, 1, 1979
– E. Herren, Kleines Dorf, grosse Geschichte, 1986
MAS FR, 5, 2000, 406-409

Autrice/Autore: Hermann Schöpfer / sic