Le voci con infografiche
03/2017
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z 

Baden (AG, contea)

<b>Baden (AG, contea)</b><br>Fonti: indicazioni di Andreas Steigmeier; H. Ammann, K. Schib (a cura di),  <I>Atlante storico della Svizzera</I> , 1958 <SUP>2</SUP> , 54   © 1997 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/>

Baliaggi comuni

<b>Baliaggi comuni</b><br>Fonte: H. Ammann, K. Schib (a cura di), <I> Atlante storico della Svizzera,</I> 1958 <SUP>2</SUP> , 33  © 1999 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/>

Basilea (Campagna)

<b>Basilea (Campagna)</b><br>Mappa oro-idrografica con le principali localitÓ   © 2017 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/>

Basilea (CittÓ)

<b>Basilea (CittÓ)</b><br>Fonti: indicazioni di Rolf d'Aujourd'hui e Hansj÷rg Eichin, Archńologische Bodenforschung Basel-Stadt  ©  1999 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/><b>Basilea (CittÓ)</b><br>Fonti: indicazioni di Bernard Degen, Hans Berner e Ruedi Brassel  ©  1998 DSS e DDC Information Design, Montreux.<BR/><b>Basilea (CittÓ)</b><br>Fonti: indicazioni di Rolf d'Aujourd'hui e Hansj÷rg Eichin, Archńologische Bodenforschung Basel-Stadt  © 1999 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/><b>Basilea (CittÓ)</b><br>Fonti: indicazioni di Bernard Degen e Ruedi Brassel  ©  1998 DSS e DDC Information Design, Montreux.<BR/><b>Basilea (CittÓ)</b><br>Concezione e cartografia: Andreas Brodbeck, Bettina Major  © 1998 Istituto di geografia dell’UniversitÓ di Berna e Dizionario storico della Svizzera.<BR/><b>Basilea (CittÓ)</b><br>Base: definizione di agglomerato adottata nei censimenti federali (cartografia: Andreas Brodbeck)  © 1998 Istituto di geografia dell’UniversitÓ di Berna e Dizionario storico della Svizzera.<BR/>I confini dei comuni fuori dal territorio svizzero sono stati stabiliti sulla base dello <I>Strukturatlas der Schweiz</I>, 1997. PoichÚ non esistono dati statistici analoghi per gli anni 1930-1980, sono state indicate solo le frontiere del 1990.<BR/>

Basilea (cantone)

<b>Basilea (cantone)</b><br>Fonte: indicazioni di JŘrg Tauber, Archńologie Baselland, Liestal  © 1998 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/>

Basilea (principato vescovile)

<b>Basilea (principato vescovile)</b><br>Fonti: indicazioni di Franšois Kohler, ufficio dei monumenti storici, Porrentruy; H. Ammann, K. Schib (a cura di), <I>Atlante storico della Svizzera, 1958</I> <SUP>2</SUP> , 56; <I>Nouvelle histoire du Jura, 1984</I>, 69 e 131  © 1998 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/><b>Basilea (principato vescovile)</b><br>Fonti: indicazioni di Franšois Kohler, ufficio dei monumenti storici, Porrentruy;  <I>Nouvelle histoire du Jura,</I> 1984  © 1997 DSS e DDC Information Design, Montreux.<BR/>

Baviera

<b>Baviera</b><br>Fonte: F.W. Putzger, <I>Historischer Atlas</I>, 1975<SUP>9</SUP>, 91-93  © 2002 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/>

Belchen

<b>Belchen</b><br>Fonte: schema originale di Rolf d'Aujourd'hui  ©  1998 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/>

Bellinzona (comune)

<b>Bellinzona (comune)</b><br>Concezione e cartografia: Andreas Brodbeck  © 1998 Istituto di geografia dell’UniversitÓ di Berna e Dizionario storico della Svizzera.<BR/><b>Bellinzona (comune)</b><br>Base: definizione di agglomerato adottata nei censimenti federali (cartografia: Andreas Brodbeck)  © 1998 Istituto di geografia dell’UniversitÓ di Berna e Dizionario storico della Svizzera.<BR/>

Berna (cantone)

<b>Berna (cantone)</b><br>Mappa oro-idrografica con le principali localitÓ   © 2017 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/><b>Berna (cantone)</b><br>Fonte: secondo le indicazioni di Hans GrŘtter, Atelier del servizio archeologico del canton Berna, situazione al 2001  © 2002 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/><b>Berna (cantone)</b><br>Fonte: C. Pfister, H.-R. Egli, <I>Historisch-Statistischer Atlas des Kantons Bern</I>, 1998, 35  © 2001 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/><b>Berna (cantone)</b><br>Fonti: indicazioni di Anne-Marie Dubler; H. Ammann, K. Schib (a cura di),  <I>Atlante storico della Svizzera</I> , 1958 <SUP>2</SUP> , 60; G. Grosjean, <I>Carta storica della Svizzera</I>, 1971; G. Grosjean, <I>Canton de Berne: bases historiques de l'amÚnagement</I>, 1973  © 2001 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/><b>Berna (cantone)</b><br>Fonti:   H. Ammann, K. Schib (  a cura di  ),  <I>Atlante storico della Svizzera</I> ,   1958 <SUP>2</SUP> ,<I></I> 64; L. Hubler, <I>Histoire du Pays de Vaud</I>, 1991, 103  © 2001 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/><b>Berna (cantone)</b><br>Fonti:   H. Ammann, K. Schib   (a cura di  ), Atlante storico della Svizzera,   1958 <SUP>2</SUP> , 54; C. Seiler, A. Steigmeier, <I>Geschichte des Aargaus</I>, 1991  © 2001 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/><b>Berna (cantone)</b><br>Fonte: indicazioni di Franšois de Capitani   © 2002 DSS e DDC Information Design, Montreux.<BR/>Le societÓ, o corporazioni, avevano un ruolo determinante: ognuna di esse aveva diritto a un posto nel Consiglio dei Sedici, le quattro principali a due. Gli alfieri del Piccolo Consiglio provenivano anch'essi da queste quattro corporazioni; tra i loro membri erano scelti pure il tesoriere e lo scoltetto. I due Consiglieri segreti erano, in origine, dei rappresentanti del Gran Consiglio incaricati di sorvegliare i lavori del Piccolo Consiglio. Il sistema di elezione era particolarmente complesso: i membri del Consiglio dei Sedici erano estratti a sorte; toccava poi a loro e al Piccolo Consiglio, grosso modo ogni dieci anni, l'elezione dei nuovi membri del Gran Consiglio (quando il numero di questi era sceso a 200 ca., dovette essere riportato a 299). L'elezione di un nuovo membro del Piccolo Consiglio o senatore, rispettivamente di un Consigliere segreto, era regolata da un gioco sottile di estrazione a sorte e di voto, in modo da evitare pressioni e intrighi.<BR/>

Berna (comune)

<b>Berna (comune)</b><br>Fonte: H. GrŘtter, <I>Beilage zum Jahresbericht der Geographischen Gesellschaft Bern</I>, 50, 1970-1972  © 1994 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/><b>Berna (comune)</b><br>Concezione e cartografia: Andreas Brodbeck  © 1998 Istituto di geografia dell’UniversitÓ di Berna e Dizionario storico della Svizzera.<BR/><b>Berna (comune)</b><br>Base: definizione di agglomerato adottata nei censimenti federali (cartografia: Andreas Brodbeck)  © 1998 Istituto di geografia dell’UniversitÓ di Berna e Dizionario storico della Svizzera.<BR/><b>Berna (comune)</b><br>Fonte: Ufficio federale di statistica  © 1997 DSS e DDC Information Design, Montreux.<BR/><b>Berna (comune)</b><br>Fonti: indicazioni di Bruno Fritzsche;  <I>Jahrbuch des Statistischen Amts der Stadt Bern</I> © 1997 DSS e DDC Information Design, Montreux.<BR/>Il numero delle abitazioni costruite nel corso della seconda metÓ del XIX sec. permette di ricavare alcune indicazioni circa l'evoluzione della congiuntura: emerge infatti con chiarezza sia la crisi degli anni 1880-90 sia lo sviluppo del decennio successivo, in cui si registr˛ una rapida crescita della popolazione.<BR/>

Bernardo da Chiaravalle (santo)

<b>Bernardo da Chiaravalle (santo)</b><br>Fonte: <I>Geschichte des Kantons ZŘrich</I>, 1, 1995, 162  © 2001 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/>

Bienne (comune)

<b>Bienne (comune)</b><br>Fonti: indicazioni di Anne-Marie Dubler; H. Ammann, K. Schib (a cura di), <I>Atlante storico della Svizzera, 1958</I> <SUP>2</SUP> <I>,</I> 56; Atlante Siegfried, 1: 25 000, foglio Bienne; G. Grosjean, cantone di Berna: basi storiche per la pianificazione, 1973  © 2002 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/><b>Bienne (comune)</b><br>Fonte: indicazioni di Anne-Marie Dubler   © 2002 DSS e DDC Information Design, Montreux.<BR/><b>Bienne (comune)</b><br>Concezione e cartografia: Andreas Brodbeck, Bettina Major   © 1998 Istituto di geografia dell’UniversitÓ di Berna e Dizionario storico della Svizzera.<BR/><b>Bienne (comune)</b><br>Base: definizione di agglomerato adottata nei censimenti federali (cartografia: Andreas Brodbeck)  © 1998 Istituto di geografia dell’UniversitÓ di Berna e Dizionario storico della Svizzera.<BR/>

Bilancia commerciale

<b>Bilancia commerciale</b><br>Fonti: H. Ritzmann-Blickenstorfer (a cura di),  <I>Historische Statistik der Schweiz,</I> 1996, 668 sg.; Amministrazione federale delle dogane  © 2017 DSS e DDC Information Design, Montreux.<BR/><b>Bilancia commerciale</b><br>Fonte:  <I>Die Volkswirtschaft,</I> 4, 2006, 64  © 2006 DSS e DDC Information Design, Montreux.<BR/>

Borgogna (ducato)

<b>Borgogna (ducato)</b><br>Fonti: H. Ammann, K. Schib (a cura di), <I>Atlante storico della Svizzera, 1958</I> <SUP>2</SUP> , 29;  <I>Encyclopaedia Universalis</I> , Corpus 3, 1985, 915; <I>Brockhaus Enzyklopńdie</I>, 4, 1987, 214  © 2001 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/>

Boschi

<b>Boschi</b><br>Fonte: Schweizerische Forststatistik   © 2004 DSS e Marc Siegenthaler, Berna.<BR/>I boschi privati appartengono a ca. 250'000 proprietari, mentre ca. 3500 imprese forestali si occupano dei boschi pubblici.<BR/><b>Boschi</b><br>Fonti: indicazioni di Anton Schuler, Politecnico federale di Zurigo; Ufficio federale di statistica, statistica forestale  © 2002 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/>Il debole rimboschimento dell'Altopiano, tra Soletta e la Turgovia, Ŕ dovuto al considerevole sviluppo industriale e demografico di queste regioni nel XX secolo. Per ci˛ che riguarda i cantoni di estesa superficie (Berna, Vaud, Vallese, Grigioni), i risultati andrebbero sfumati distinguendo tra le zone dell'Altopiano e quelle del Giura da una parte, prealpine e alpine dall'altra.<BR/><b>Boschi</b><br>Fonti: UFS, statistica forestale; <I>Statistica della superficie</I>, 1992/1997  © 2002 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/><b>Boschi</b><br>Fonte: Ufficio federale dell'ambiente, delle foreste e del paesaggio   © 2002 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/>L'insieme delle riserve di boschi naturali costituisce l'1,1% della superficie boscata totale della Svizzera. Su questa carta sono raffigurate le riserve boschive superiori ai 100 ettari (1 km<SUP>2</SUP>); la pi¨ estesa Ŕ quella del Parco nazionale svizzero, con 4800 ettari.<BR/>

Bronzo, etÓ del

<b>EtÓ del Bronzo</b><br>Tavola sinottica  © 1999 DSS e DDC Information Design, Montreux.<BR/><b>EtÓ del Bronzo</b><br>Fonte: indicazioni di Margarita Primas, UniversitÓ di Zurigo  © 1997 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/>

Buoni uffici

<b>Buoni uffici</b><br>Fonte: D. Trachsler, "Gute Dienste", in:  <I>Bulletin zur schweizerischen Sicherheitspolitik,</I> 2004, 33-64  ©  2004 DSS e Marc Siegenthaler, Berna.<BR/>Dopo la seconda guerra mondiale il massimo di rappresentanze fu raggiunto nel 1973, quando la Svizzera ebbe 24 mandati in qualitÓ di potenza protettrice. <BR/>

Burgundi

<b>Burgundi</b><br>Fonti: H. Ammann, K. Schib (a cura di),  <I>Atlante storico della Svizzera</I> <I>, 1958</I> <SUP>2</SUP> , 9; A. Furger et al., <I>Die Schweiz zwischen Antike und Mittelalter</I>, 1996, 51,  © 2002 DSS e cartografia Kohli, Berna.<BR/>

44 immagini

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z