Tutti gli articoli:
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
(prime lettere della voce cercata)
 
   
ACCADDE OGGI
180 anni fa nasceva Friedrich Salomon Vögelin.

90 anni fa moriva Emilie Lasserre.
IN EVIDENZA

Il 20 luglio 917 la città di Basilea viene saccheggiata dagli Ungari (Invasioni degli Ungari).

Dall’11 al 14 luglio 1789 Louis Auguste Le Tonnelier de Breteuil sostituisce Jacques Necker come ministro delle finanze di Luigi XVI.

Il periodico culturale ticinese L’Adula esce per la prima volta il 4 luglio 1912.

NEWSLETTER
Il DSS offre una newsletter nelle tre lingue ufficiali [ per abbonarsi ].

CONTATTO
Dizionario storico della Svizzera, +41 31 313 13 30,

Attualità / Attualità DSS
06/2017

Arrivano le immagini!

In occasione della presentazione dell’ultimo volume a stampa nell’autunno 2014, Thomas Maissen definì il fondo di ben 8000 immagini, pubblicate nei tredici volumi del Dizionario storico della Svizzera, un’«iconografia della Svizzera». Le illustrazioni, raccolte in oltre vent’anni di lavoro, vengono ora gradualmente incorporate nell’e-DSS. Il DSS compie così un altro grande passo verso il dizionario multimediale online.

La prima serie comprende diverse centinaia di immagini, gentilmente messe a disposizione dalla Biblioteca nazionale svizzera e dal Museo nazionale svizzero. Questo complesso, contenente materiali provenienti da tutte le regioni della Svizzera, tra cui numerose opere principali sulla storia culturale del Paese, presenta anche diverse illustrazioni sorprendenti.

Le immagini sono ancorate ai testi, ma compaiono come anteprima anche nella barra di scorrimento sopra il testo della voce. Le didascalie corrispondono a quelle dell’edizione a stampa.

L’elenco di tutte le voci corredate da immagini si trova qui.

I diritti d’uso per le immagini finora erano vincolati all’edizione a stampa; il DSS sta ora regolamentando questi diritti su una nuova base con i suoi oltre 700 fornitori di immagini. Grazie al riscontro del tutto positivo da parte delle varie istituzioni, nelle prossime settimane e mesi saranno progressivamente pubblicati altri fondi. La versione digitale dell’«iconografia della Svizzera» continuerà così a prendere forma.

 

Share on Facebook Share on Twitter Share on Google Share by email
Attualità / Il tema attuale
06/2017

Una donna libera e impegnata

Il 14 luglio 1817 si spegne all’età di 51 anni una donna dal destino fuori dal comune, Germaine de Staël. Per una curiosa coincidenza, il bicentenario della sua morte coincide con i 250 anni dalla nascita di Benjamin Constant, con cui formava una coppia destinata a segnare la storia letteraria e politica. Alla svolta del XIX secolo questi due fecondi autori esercitarono una grande influenza sulle idee del loro tempo in particolare come precursori del liberalismo politico e del romanticismo. Rivestirono un ruolo di primo piano negli scambi, all’epoca intensi, tra gli intellettuali di tutta Europa. Per le sue posizioni sulla condizione delle donne, Germaine de Staël è inoltre considerata una pioniera del femminismo.

Nata Necker
Figlia del banchiere ginevrino e ministro delle finanze di Luigi XVI Jacques Necker, Germaine de Staël ebbe accesso a una vasta educazione, piuttosto rara per le ragazze a quell’epoca. Frequentò già precocemente il salotto tenuto da sua madre Suzanne a Parigi. Distinguendosi per il suo spirito brillante, la ragazza vi incontrò innumerevoli celebri autori. Divenuta baronessa di Staël-Holstein attraverso il suo matrimonio nel 1786, si affrancò rapidamente dalle convenzioni sociali per condurre la sua vita in piena autonomia e avviare la sua opera letteraria e filosofica.

Dalla Rivoluzione all’esilio
La Rivoluzione del 1789 rappresentò per Madame de Staël la promessa della libertà cui aspirava. Fautrice di idee moderate, dovette fuggire dalla Francia durante il Terrore. Di ritorno a Parigi con Benjamin Constant, incontrato nel 1794 a Losanna, si oppose tanto ai monarchici quanto ai giacobini e, contraria a qualsiasi forma di conquista, osteggiò l’invasione francese della Svizzera (1798). Se in un primo tempo ripose qualche speranza in Napoleone Bonaparte, fu disillusa con l’instaurazione del consolato che segnò l’ascesa di quest’ultimo al potere (1799). Bonaparte temette l’influenza politica di Madame de Staël al punto da ordinarne l’esilio, senza più tornare sulla decisione presa.

L’Europa a Coppet
Il castello di famiglia a Coppet divenne il rifugio di Germaine de Staël, seguita da Constant nel suo esilio. Da lì intraprese diversi viaggi in vari Paesi. A Coppet accolse numerosi ospiti illustri, tra cui Châteaubriand, Lord Byron, la baronessa von Krüdener e Juliette Récamier, trasformandolo nel luogo d’incontro per eccellenza dell’intellighenzia europea. Attorno a Madame de Staël si formò un circolo informale, la cui composizione mutò nel tempo. Noto in seguito come il Gruppo di Coppet, conobbe un irraggiamento europeo e, oltre a Constant, comprese personalità quali Sismondi, Karl Viktor von Bonstetten e August Wilhelm Schlegel.

Scelta di articoli
Critica letteraria | Filosofia | Francia (capitolo 3.2.2) | Letteratura francese | Liberalismo | Romanticismo

Fino al 1° ottobre 2017, la Fondazione Bodmer a Cologny presenta un’importante mostra su Germaine de Staël e Benjamin Constant.

 

Share on Facebook Share on Twitter Share on Google Share by email

07/2017

In memoria di Victor Conzemius (1929-2017)

Il 24 giugno 2017 a Lucerna si è spento a 87 anni Victor Conzemius. Originario del Lussemburgo, giunse in Svizzera come studente nel 1949 e fu ordinato sacerdote nel 1955. Rinomato studioso di storia ecclesiastica, dal 1970 al 1980 fu professore di storia della Chiesa a Lucerna, distinguendosi quale autore di numerose pubblicazioni innovative.

Dal 1989 al 2013 Victor Conzemius fu consulente scientifico del DSS per le voci inerenti alla storia della Chiesa cattolica nel XIX e XX secolo. Profondo conoscitore della materia, contribuì in misura determinante a forgiare questo campo del dizionario; attraverso l’esame critico di quasi 500 articoli aiutò inoltre a garantire la qualità scientifica dell’opera. Sin dagli esordi Victor Conzemius si adoperò per un rapporto equilibrato dei contributi nel DSS e per la scelta dei lemmi consultò regolarmente la sua personale rete di conoscenze. Accanto alla sua vasta attività di consulente, Victor Conzemius lavorò per il DSS anche come autore: a lui si devono complessivamente 105 voci, da «Gervais Aeby» a «Pierre Tobie Yenni». I membri della redazione di lingua tedesca ricordano con piacere le numerose telefonate con l’apprezzato collaboratore esterno, che, con sottofondo di musica classica, si premurava di spiegare e chiarire domande o errori emersi durante l’elaborazione dei testi.

Il DSS serberà un grato ricordo dell’eccellente ricercatore Viktor Conzemius e della sua gentilezza e disponibilità.

La redazione

Vi invitiamo a leggere la nota biografica su Victor Conzemius nel DSS.

 

Share on Facebook Share on Twitter Share on Google Share by email
 

Abbonatevi alla newsletter

Il DSS offre una newsletter nelle tre lingue ufficiali [ per abbonarsi ].