Tutti gli articoli:
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
(prime lettere della voce cercata)
 
   
ACCADDE OGGI
450 anni fa nasceva Bartholomäus Anhorn il Vecchio.

100 anni fa moriva Ludwig Rudolf Alioth.
IN EVIDENZA

Il 1 luglio 1966 l’Assemblea federale emana la legge sulla protezione della natura e del paesaggio.

Il 30 giugno 1916 il Consiglio federale proibisce l’allontanamento dei disertori e renitenti alla leva stranieri rifugiati in Svizzera (Profughi).

Il 21 giugno 1537 viene istituito il baliaggio bernese di Romainmôtier.

NEWSLETTER
Il DSS offre una newsletter nelle tre lingue ufficiali [ per abbonarsi ].

CONTATTO
Dizionario storico della Svizzera, +41 31 313 13 30,


05/2016

Nomina al DSS

Il concorso pubblico indetto per la carica di direttore del DSS si è concluso con la nomina di Christian Sonderegger, che assumerà questa funzione dal 1o gennaio 2017 (Comunicato stampa dell’Accademia svizzera di scienze umane e sociali, ASSU: PDF in francese o tedesco).

Christian Sonderegger non è certo un volto nuovo per il DSS, al cui servizio mette a disposizione il proprio talento e le proprie competenze dal 1992.  È stato scelto all’interno di una rosa di candidati di qualità per la sua capacità di condurre e motivare una squadra e di definire e progettare l’avvenire del nostro Dizionario storico nell’era delle Digital Humanities.

Il DSS diverrà nel gennaio 2017 un’impresa dell’ASSU, portando colui che si farà carico della direzione a confrontarsi con nuove sfide. Sono certa che Christian Sonderegger saprà affrontarle con successo, sicuro della fiducia e del sostegno di tutti i collaboratori del DSS. A lui rivolgo l’augurio di buon lavoro e di tante soddisfazioni alla testa del DSS.

Martine Brunschwig Graf, presidente del Consiglio di fondazione del DSS

 

Attualità / Il tema attuale
05/2016

Attraverso le Alpi: le vie di comunicazione

La galleria di base del San Gottardo è stata inaugurata il 1° giugno. Con i suoi 57 km è il più lungo tunnel ferroviario al mondo. Per sottolineare questa importante tappa della Nuova ferrovia transalpina (NFTA), il DSS invita i suoi lettori a percorrere, passando attraverso le Alpi, un tratto della storia delle vie di comunicazione in Svizzera.

Conquiste, scambi, viaggi
Numerosi valichi alpini furono frequentati sin dalla preistoria. Nel 15 a.C. prese avvio la campagna di assoggettamento delle Alpi da parte dei Romani, che edificarono strade e ponti per far fronte alle necessità della conquista e dell’amministrazione dell’Impero. Le Alpi erano attraversate da due grandi assi nord-sud. Quello attraverso il Gran San Bernardo collegava l’Italia settentrionale alla Gallia e alla Germania; l’altro, passando per i valichi grigionesi, conduceva dal lago di Como a quello di Costanza (Julier, Settimo, Spluga, Maloja). Dopo un periodo di relativa inattività, dalla fine del XII secolo il traffico di transito attraverso le Alpi riprese vigore, grazie tra l’altro al successo delle grandi fiere europee, e si ripristinarono le mulattiere. Nel XIII secolo, il Gottardo divenne una nuova via di transito grazie alla sistemazione della Schöllenen (costruzione del ponte del Diavolo). Il trasporto delle mercanzie per mezzo di animali da soma diventò un’attività professionale organizzata (Someggiatura), che finì per scomparire nel XIX secolo con la costruzione di strade carrozzabili. Dalla seconda metà del XVII secolo, i giovani aristocratici inglesi attraversarono le Alpi in occasione del loro Grand Tour europeo. Se per lungo tempo le Alpi non interessarono che rari viaggiatori, esse divennero un’ambita meta a partire dal XVIII secolo (Viaggi, Viaggi in Svizzera, Turismo).

Attraverso la roccia
Nel 1708 il Buco di Uri, nella gola della Schöllenen, fu il primo esempio di gallerie e trafori alpini destinati ai trasporti. Tra il 1850 e il 1920 lo sviluppo della rete ferroviaria (Ferrovie) portò alla realizzazione di numerosi tunnel. Dalla seconda metà del XIX secolo si fece ricorso alle macchine, ciò che accelerò e rese meno difficoltosi i lavori di perforazione. La dinamite fu utilizzata per la prima volta nella costruzione della prima galleria del Gottardo tra il 1872 e il 1882 (Esplosivi).

Il lato oscuro
Numerosi lavoratori persero la vita durante la realizzazione delle gallerie. Il primo traforo del Gottardo fu particolarmente nefasto (Ferrovia del Gottardo): circa 200 uomini vi trovarono la morte e furono centinaia a contrarre gravi malattie quali la silicosi. In maggioranza italiani, gli operai si trovavano confrontati a pessime condizioni lavorative e abitative. L’altorilievo di Vincenzo Vela ad Airolo testimonia il loro pesante tributo.

Aspetti generali
Alpi | Esplosivi | Ferrovie | Gallerie e trafori | Gottardo, Ferrovia del | Itinerarium Antonini | Mezzi di trasporto | Navigazione | Politica dei trasporti | Ponti | Porti | Someggiatura | Stazioni ferroviarie | Strade | Strade nazionali | Tavola peutingeriana | Traffico di transito | Trasporti | Turismo | Valichi | Viaggi | Viaggi in Svizzera | Vie di comunicazione

Qualche via di transito
Ceneri, Monte | Gran San Bernardo | Jougne | Julier | Maloja | Pierre-Pertuis | San Bernardino | San Gottardo | Schöllenen | Sempione | Settimo | Spluga | Viamala


02/2016

DSS 2016: in viaggio verso un nuovo dizionario

La nascita del Nuovo DSS online e multimediale si avvicina. Nel 2016 si concluderanno infatti i lavori concettuali e saranno avviati diversi progetti pilota che sfoceranno nel lancio del nostro nuovo prodotto nel 2017. Vi invitiamo a scoprire le principali innovazioni di questo ambizioso progetto nel Management Summary, riassunto della sua concezione globale.

Il 2016 segna pure lo scioglimento della Fondazione Dizionario storico della Svizzera: il 1° gennaio 2017 il DSS diventerà un’impresa dell’Accademia svizzera di scienze umane e sociali.

Sempre nel 2016 l’e-DSS, l’attuale versione online del DSS, conoscerà un importante sviluppo, in particolare grazie all’integrazione degli infografici dell’edizione a stampa. Nel corso dell’anno la nostra home page vi illustrerà con regolarità tutte le novità concernenti il DSS e non mancherà di proporvi una scelta di argomenti storici nelle rubriche "Il tema attuale" e "In evidenza", inaugurate nel 2015.

 

 

Abbonatevi alla newsletter

Il DSS offre una newsletter nelle tre lingue ufficiali [ per abbonarsi ].