Tutti gli articoli:
A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z
(prime lettere della voce cercata)
 
   
DSS ed e-DSS / Storia
03/2015

La storia del DSS e i suoi precursori

Il primo volume a stampa del Dizionario storico della Svizzera (DSS) è stato pubblicato in tre lingue nel 2002; i volumi successivi sono apparsi a scadenza annuale. La versione elettronica del Dizionario è consultabile su internet già dal 1998; la cerchia dei lettori è dunque ampiamente allargata oltre i confini nazionali.

Il DSS si riallaccia a una lunga tradizione lessicografica svizzera, all'interno della quale spiccano in particolare tre opere:
  • Johann Jakob Leu, Allgemeines helvetisches, eydgenössisches oder schweitzerisches Lexikon, 20 volumi, Zurigo, 1747-1765; 6 volumi supplementari, Zugo, 1786-1795.
  • Encyclopédie d'Yverdon, 58 volumi, Yverdon-les-Bains, 1770-1780.
  • Historisch-Biographisches Lexikon der Schweiz (HBLS)/Dictionnaire historique et biographique de la Suisse (DHBS), 7 volumi più un volume supplementare, Neuchâtel, 1921-1934.

Dopo la pubblicazione dell'HBLS/DHBS, molto apprezzato dai lettori, nessuno ha più raccolto per decenni la sfida di pubblicare un dizionario storico. Negli anni 1960-70 l'esigenza di un'opera di consultazione a carattere storico che considerasse i nuovi ambiti di ricerca della storiografia si è tuttavia fatta più forte. In seguito a varie sollecitazioni provenienti dal mondo politico, la Società generale svizzera di storia (oggi Società svizzera di storia) e l'Accademia svizzera di scienze morali e sociali (ASSMS) hanno elaborato un progetto per un nuovo dizionario storico, approvato dalle Camere federali nel 1987.

La pubblicazione di una nuova opera di consultazione sulla storia svizzera rispondeva non solo a obiettivi di politica culturale e linguistica, ma mirava anche a rafforzare, attraverso la messa a disposizione di una ricca serie di informazioni, la coesione nazionale. La promozione del plurilinguismo assumeva da questo punto di vista una particolare importanza: la Svizzera italiana avrebbe così potuto disporre per la prima volta di uno strumento lessicografico sulla storia nazionale in lingua italiana, e la Svizzera romancia di una sua edizione parziale in uno o due volumi, il Lexicon istoric retic (LIR). Tale pluralità di lingue non ha eguali nella lessicografia internazionale.